Ginnastica ritmica, la Polimnia Ritmica Romana promossa in serie A1

 Ginnastica ritmica, la Polimnia Ritmica Romana promossa in serie A1


La Polimnia Ritmica Romana torna in Serie A1. La promozione è arrivata sabato 24 ottobre al PalaRuffini di Torino in occasione della Final Six del Campionto Nazionale di Serie A di ginnastica ritmica (organizzata dalla Eurogymnica di Torino). Un risultato importante, che riporta la società di Roma, che ha base operativa nel Municipio XIII, in A1 dopo 5 anni di assenza, e confermando la Polimnia come una delle società con la maggiore permanenza in A (dal 2002 la società ha disputato sempre campionatoidi A2 e A1).

Le 12 squadre che hanno dato vita alla serie di avvincenti sfide, 6 di serie A2 e 6 di serie A1, sono scese in pedana per contendersi il titolo nazionale della rispettiva serie. E tra queste, unica squadra del Lazio, la Polimnia Ritmica Romana guidata da Liliana Iacomini, Michela Conti e Marzia Farlò.

Le parole delle ragazze

“Una formula nuova, che ha reso la gara avvincente e incerta fino all’ultimo, ma anche molto stressante”, hanno spiegano le allenatrici, “ripartendo da zero, di fatto ci si giocava la promozione in A1 in una sfida secca, tipo play off”. La prima sfida, contro la società Falciai di Arezzo, ha visto la Polimnia vincente dopo un testa a testa che si è risolto solo all’ultimo esercizio, con il nastro, vinto dalla verdolina Martina Lamberti.

“L’attesa dell’ultimo punteggio”, proseguono le allenatrici, “è stata al cardiopalma. Quel punteggio sembrava non voler uscire! E quando finalmente il tabellone si è illuminato siamo esplose tutte in una gioia incontenibile, perché’ vincere quella sfida significava essere sul podio e quindi automaticamente promosse in serie A1”. Un successo raggiunto in un momento così duro per tutti, dopo mesi difficili legati al lockdown e alle indisponibilità delle palestre “ ma questo risultato ci ripaga di tutti i sacrifici, e ci ha fatto dimenticare per un attimo i mille ostacoli affrontati nell’ultimo periodo: come d’incanto è sparito tutto, sciolto nelle nostre lacrime di gioia”.

Nel girone a tre della finalissima, sfida valida per l’assegnazione del primo secondo e terzo posto, la Polimnia ha scelto di schierare tutte le componenti della squadra, rinunciando ad altre soluzioni tattiche. “Abbiamo voluto dare a tutte l’opportunità’ di essere protagoniste di questa finalissima”, spiegano le esponenti della Polimnia Ritmica Romana, “perché tutte hanno contribuito allo straordinario risultato della squadra. Una squadra che ci ha reso orgogliose per come ha saputo andare dritta e unita verso un obiettivo comune, e in cui ognuna, nonostante le grandi differenze di età e di esperienza, si è messa al servizio del gruppo con umiltà e generosità, senza remore e senza individualismi”.

Le 5 stelle della Polimnia hanno saputo brillare nella sfida finale, e hanno concluso le loro esecuzioni con un momento magico, che ha emozionato tutti gli appassionati che seguivano la gara sul canale YouTube della Federginnastica: il capitano Elisa Todini ha decretato la fine della sua carriera agonistica dipingendo un magistrale esercizio al nastro, al termine del quale ha baciato la pedana, gesto che ha scatenato la commozione. “L’immagine del Kiss and Cry, dove le giovani verdoline si sono strette in lacrime al loro Capitano è quella che più di ogni altra rimarrà’ nei nostri cuori”, affermano le allenatrici, “Elisa è stata ed è un esempio di atleta virtuosa, carismatica e umile, e averla vista crescere insieme a noi è stato un privilegio. A 21 anni ha deciso di lasciare l’agonismo, dopo aver gareggiato in serie A per ben 10 anni, sempre con i nostri colori: in tutti questi anni abbiamo condiviso emozioni e momenti indimenticabili, e non sarà facile fare a meno del suo apporto, umano oltre che tecnico, ma sapere che Elisa rimarrà al nostro fianco per insegnare alle ginnaste più piccole è già un grande conforto!”.

Insieme al capitano Elisa Todini sono quindi salite sul terzo gradino del podio nazionale Elizabeta Havryliv, Martina Lamberti, Martina Gargaro e Alessandra Cipriani. E saranno loro, tra pochi mesi, a dover difendere i colori della Polimnia Ritmica Romana nel Campionato di serie A1 2021, tra le 12 società più’ forti d’Italia. “Ci auguriamo”, concludono, “che le cose vadano meglio nei prossimi mesi, ma siamo già pronte a fare tutti i sacrifici necessari per riuscire ad allenarci rispettando tutti i protocolli, innanzitutto perché siamo convinte che lo sport sia necessario a preservare la salute delle giovani generazioni”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *