Le statistiche prodotte dal campo dopo il Derby di San Siro

 Le statistiche prodotte dal campo dopo il Derby di San Siro


Vittoria e primo posto in solitaria: un Derby da favola, un Derby tutto rossonero. A San Siro, nel big match della quarta giornata di Serie A, il Milan vola in vetta al campionato dopo una gara difficile, combattuta, anche sofferta e fortunata. Una serata magica, lo sottolineano anche i numeri – collettivi e singoli – prodotti dal campo dopo questo preziosissimo 2-1:

1- Il Milan ha vinto tutte le prime quattro partite di Serie A per la prima volta dal 1995/96, con Fabio Capello in panchina.

2- Questa è la vittoria numero 1400 per il Milan nella Serie A a girone unico, i rossoneri sono la terza squadra ad aver raggiunto questo traguardo dopo Juventus e Inter.

3- Il Milan non vinceva un Derby di Milano in Serie A dal 3-0 nel gennaio 2016, con Siniša  Mihajlović in panchina.

4- Il Milan è andato a segno in 24 gare di Serie A di fila per la prima volta dal 1973 (quando arrivò a 29).

5- Questa è solo la seconda volta nella storia della Serie A in cui il primo gol stagionale subito dal Milan viene segnato dall’Inter, in precedenza era successo nel 1935 (con Meazza).

6- Zlatan Ibrahimović ha eguagliato Silvio Piola come giocatore che ha realizzato il maggior numero di marcature multiple in Serie A superati i 38 anni di età: quattro.

7- Zlatan Ibrahimović ha segnato otto gol nei Derby di Milano in Serie A (sei con il Milan e due con l’Inter), solo tre giocatori hanno fatto meglio (Meazza 12, Nordahl e Nyers 11).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *