F1, Monza: disastro Ferrari

 F1, Monza: disastro Ferrari


Il 71° Gran Premio d’Italia per la Scuderia Ferrari si è concluso con un doppio ritiro all’Autodromo Nazionale di Monza. Sebastian Vettel ha accusato un problema ai freni, mentre Charles Leclerc è rimasto vittima di un incidente senza conseguenze alla curva Parabolica.

Partenza

Allo spegnersi dei semafori Charles ha mantenuto la tredicesima posizione mentre Sebastian ha perso una posizione nei confronti della Williams di George Russell riuscendo a recuperarla nel corso del giro successivo. Al sesto passaggio però sulla sua SF1000 si è verificato un problema ai freni che lo ha costretto al ritiro nel corso della tornata successiva.

 

Safety-Car

Al 18° giro Charles è rientrato al box per passare dalle gomme Soft alle Hard rientrando al 17° posto. Alla tornata successiva Kevin Magnussen ha accusato un problema alla propria Haas ed è stato costretto a parcheggiarla a bordo pista subito prima dell’ingresso dei box. La direzione gara a quel punto ha fatto entrare la Safety Car il che ha indotto tutte le altre vetture a rientrare per il pit stop. Charles si è così ritrovato in sesta posizione. Al restart il monegasco è stato un leone e alla prima variante è riuscito a superare le Alfa Romeo di Kimi Räikkönen e Antonio Giovinazzi salendo in quarta posizione. Sfortunatamente, tuttavia, alla tornata successiva Leclerc ha perso il controllo della propria SF1000 finendo violentemente contro le barriere alla curva Parabolica. L’incidente è stato impressionante ma fortunatamente Charles non ha riportato conseguenze.

 

Ora Mugello

Il Mondiale di Formula 1 non si ferma e rimane in Italia: la prossima settimana, infatti, la terza tripletta della stagione si concluderà con il Gran Premio della Toscana – Ferrari 1000, il millesimo della Scuderia in Formula 1.

 

Charles Leclerc #16

 

“È stata una gara molto difficile, nella quale ho sofferto moltissimo con il bilanciamento della mia vettura. Al momento della Safety Car ho pensato che fossimo stati molto sfortunati, ma grazie al fatto che la pitlane è rimasta chiusa l’aver già effettuato il pitstop si è rivelato un vantaggio. Al momento dell’incidente eravamo in una posizione molto buona anche se stavo faticando parecchio con le gomme Hard.

Ciò nonostante stavo provando a spingere il più possibile quando ho commesso un errore in seguito al quale ho perso il posteriore e sono andato a sbattere alla Parabolica.

L’urto è stato abbastanza forte ma io sto bene. Ho qualche dolore qua e là ma direi che è comprensibile. Gli ultimi due weekend sono stati molto difficili per tutta la squadra ma purtroppo in questo momento le cose vanno così e dobbiamo sperare di riprenderci presto, magari già dal Mugello la prossima settimana”.

 

Sebastian Vettel #5

 

“È un momento molto difficile per tutto il team e io come tutta la squadra sto soffrendo per questa situazione. Purtroppo è la nostra realtà attuale e dobbiamo cercare di fare del nostro meglio per avere una seconda parte di stagione dignitosa, poiché ci sono ancora tante gare davanti a noi. C’è molto lavoro da fare e ci dobbiamo concentrare su quello.

Per quanto riguarda la mia gara posso solo dire che è stata piuttosto corta dal momento che ho avuto quasi immediatamente problemi ai freni. Sono arrivato alla prima staccata ma la vettura non ha rallentato e sono stato costretto ad andare lungo nella via di fuga: meno male che è successo in quel punto.

Dobbiamo tenere la testa alta, anche se il momento non è per niente facile. Ora andiamo al Mugello, una pista completamente differente, e forse là potremmo trovarci in una forma migliore e avere un weekend senza problemi”.

 

Mattia Binotto Team Principal

 

“Il doppio ritiro di oggi è la conclusione peggiore di un fine settimana molto difficile. Dopo il Belgio sapevamo che anche qui saremmo stati in grossa difficoltà e così è stato, come si è visto ieri in qualifica, ma non vedere la bandiera a scacchi con nessuna delle due vetture fa male.

Dispiace ancora di più che uno dei due ritiri, quello di Sebastian, sia avvenuto a causa di un problema di affidabilità della vettura: situazioni del genere – in questo caso un guasto all’impianto frenante – non devono accadere. È una stagione molto dura ma è nelle difficoltà che si diventa più forti.

Dobbiamo guardare avanti: sono tutte lezioni che ci devono servire per costruire il futuro. Detto questo, non dobbiamo mollare assolutamente, a partire già dalla prossima settimana al Mugello, dove ci attende l’appuntamento speciale con il millesimo Gran Premio della nostra storia in Formula 1.”

Fonte: ferrari.com

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *