MotoGp, Austria II: la pagella del Dicos

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
austria

MIGUEL OLIVEIRA 10: In Austria si è scritta la favola di un giovane portoghese che realizza il sogno di salire sul gradino più alto della top class. E’ la prima volta di un portoghese così come la prima volta del Team Red Bull Ktm Tech 3; il tutto nella novecentesima prova del mondiale. Oliveira è dapprima capace di agguantare il trio di testa dalla ottava piazza senza commettere errori poi è bravo nell’infilarsi nel duo Miller-Espargaro. Un successo che regala un altro alfiere ai vincitori della stagione. Complimenti!

JACK MILLER 9: L’australiano desmodromico ha sempre avuto il polso caldo e se nelle battute finali si fa superare dalla Ktm di Espargaro mentre era in testa, nell’ultima tornata è abile nel non mollare la presa ma nella staccata finale non ha fatto i conti con l’altra Ktm, quella numero 88. Nel complesso la sua resta una prestazione più che buona. Se riuscirà a ripetersi a questi livelli, Jack sarà un osso duro per tutti, specie per chi ha mire iridate. Bravo!

 

POL ESPARGARO 7,5: Dal primo al terzo gradino del podio è questione di istanti e di forza mentale. Istanti che lo hanno visto azzannare da Oliveira e Miller. Forza mentale che anche in questa circostanza ha dimostrato di non avere. Percorre l’ultimo giro, a parer mio, con il braccino e il risultato si è visto. Agrodolce!

 

JOAN MIR 7: Il risultato non premia gli sforzi di un pilota che gara dopo gara acquisisce sempre di più consapevolezza del proprio talento e padronanza della propria Suzuki. Un pilota che, sono convinto, ci farà molto divertire. Andiamo!

 

ANDREA DOVIZIOSO 6,5: Il binomio Ducati-Desmodovi non è in forma come nella gara scorsa e, così, l’italiano deve accontentarsi di portare a casa quanti più punti possibile. La vetta del mondiale dista solo 3 punti e questo addolcisce un fine settimana un pizzico complicato. Credici!

 

VALENTINO ROSSI 5: Certo la sua è la prima Yamaha che taglia il traguardo ma per un nove volte campione del mondo non può essere l’unica consolazione della gara. Rimandato!

 

CHI L’HA VISTO? 4: Che fine ha fatto l’uomo della provvidenza della casa dei 3 diapason? A fine anno molto probabilmente a vincere sarà lui, ma, complice anche una moto involuta oltremodo, anche questa volta è stato autore di una prestazione anonima. Scialbo!

 

KTM: Una bella moto in grado di vincere anche con un team, privato. Concreta!

 

DUCATI: A Borgo Panigale dovrebbero, secondo me, puntare davvero sul Dovi.

 

SUZUKI: Una moto in crescita che ha anche nel motore un punto di forza.

 

YAMAHA: Non solo involuta ma anche pericolosa per Vinales.

 

HONDA: Piccoli segnali.

 

APRILIA: A cosa serve correre gare così?

 

STRANEZZE E CONSIDERAZIONI: Non trovate strano che un pilota partito alla grande ad inizio anno con successi netti e perentori, all’improvviso diventi uno qualunque? Così come non trovate anomalo il fatto che un pilota da trionfatore diventi, tempo 7 giorni, un cavallo azzoppato? Che dire, poi, dell’altro miracolo che ha ricevuto Vinales? Nel 2020 ci sono ancora impianti frenanti che diventano trappole potenzialmente mortali? Non è che queste moto sono troppo potenti e disumane?

 

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick