Intervista al “milanologo” Alessandro Carra

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Il Milan è, a parer di chi scrive, molto più di una squadra di calcio: è amore per una filosofia che va al di là dello sport. E’ amore per dei colori, il rosso ed il nero, che sono sinonimo di grandi successi ottenuti con classe e di sconfitte amare. Un mix di gioia e dolore che può rappresentare un esempio positivo da seguire anche nella vita di tutti i giorni: che si vinca o si perda, l’importante è aver dato l’anima e aver rispettato gli avversari. Solo così si diventa un club che, nonostante l’era dei successi sia lontana, è sinonimo di vittorie e di bel giuoco.

Purtroppo la prima squadra d’Italia per successi internazionali non vive un periodo felice; è reduce da una brutta sconfitta nel derby. Dal 2 a 0, la squadra di Pioli si è fatta rimontare e scavalcare, con il risultato finale di 4 a 2 per i neroazzurri.

Abbiamo intervistato, così, Alessandro Carra, uno dei massimi esponenti “milanologi”, che così ha risposto:

Batosta impensabile

“La sconfitta – dice – del derby la vivo molto male, perché se prima del match probabilmente mi sarei aspettato una sconfitta, per come si erano messe le cose nel primo tempo pensare ad una sonora batosta era impensabile”.

Mancanza di personalità

“Il Milan è mancato in personalità nel saper gestire un vantaggio in una partita importante come la stracittadina. Ha dimostrato, ancora una volta, delle grandi lacune caratteriali che il solo Ibra non può colmare”.

Reazione auspicabile

“Mi aspetto, dopo la batosta di domenica, una reazione anche se credo che tutto dipenderà dalla Juventus che, purtroppo per noi, sarà molto arrabbiata dopo la sconfitta di Verona”.

Europa League a portata di mano

“L’Europa League è sicuramente un traguardo alla nostra portata. Sarebbe un fallimento totale non raggiungere questo obbiettivo”.

Proprietà di passaggio

“È la politica di una proprietà di passaggio, a cui interessano più i conti che i risultati sportivi. D’altronde Elliott è un fondo di investimento….non ho mai visto uscire un fondo da un investimento senza un guadagno”.

Il Milan è la mia vita

“Non esagero se dico che il Milan è la mia vita, una passione forte che ho fin da bambino. Anche ora quando i risultati non sono fantastici, continua a farmi battere il cuore ed emozionare”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick