Genoa-Milan: le parole di Giampaolo in vista del match

 Genoa-Milan: le parole di Giampaolo in vista del match


Trasferta delicata, ma da vincere. A Genova il Milan dovrà reagire, dimostrando di essere squadra, in un momento difficile. A Milanello, dopo aver diramato la lista dei convocati, in conferenza stampa ha parlato Mister Giampaolo presentando Genoa-Milan in diretta su AC Milan Official App in italiano e in inglese, su Facebook e Milan TV in italiano. Queste le dichiarazioni del nostro allenatore da Milanello:

LA REAZIONE DELLA SQUADRA ALLE SCONFITTE
“Le sconfitte minano il morale dei calciatori, chi pensa che non sia così sbaglia. Bisogna analizzare le cose che abbiamo fatto male, sia collettivamente che individualmente con i calciatori, mettere in atto confronti che possono aiutare la squadra a superare i problemi. Lo abbiamo fatto a viso aperto, senza nasconderci. Non bisogna ragionare con l’io ma con il noi. Sento la responsabilità di far bene ma non per me stesso, per la squadra. Gli interessi individuali non contano nulla rispetto al Milan”.

I GIUDIZI E LE CRITICHE SUL MILAN
“Adesso qualsiasi considerazione rischia di essere fuorviante, sbagliata. Dopo 6 punti in 6 partite tutte le sentenze sono pessimistiche e si vede tutto nero. Anche ora serve equilibrio, sono molto prudente nell’avere giudizi definitivi. Chi è abituato a vivere dall’interno e a sentire umori e sensazioni sa che la squadra ha ampissimi margini di miglioramento soprattutto dal punto di vista mentale. La battaglia da vincere sta nel coinvolgimento mentale nel fare certe cose in un determinato modo”.

LE PAROLE DI REINA E ROMAGNOLI
“Pepe ha esperienza internazionale, sa cosa dire, è un leader dello spogliatoio ed è ascoltato dai compagni, li ha chiamati a raccolta. Nelle difficoltà la prima cosa che fa l’essere umano è alzare il livello di attenzione. I giocatori devono dare la vita per la maglia e non per me, nei calciatori ho riscontrato entusiasmo fin dal primo giorno, sul lavoro e sulle metodologie di allenamento. Significa che la squadra crede in quello che fa. Dobbiamo avere la forza di soffrire, mantenere la barra dritta, tirarci su le maniche e stare attenti ai particolari”.

LE SCONFITTE CONTRO TORINO E FIORENTINA
“Tra Torino e la Fiorentina sono passati solo due giorni, forse non abbiamo recuperato bene e a San Siro eravamo obbligati a vincere. Ci possono essere tante motivazioni ma noi lavoriamo per evitare certe battute di arresto, è importante l’equilibrio”.

LA SITUAZIONE NEGATIVA
“Nessuno si aspettava questa situazione ma ora ci siamo dentro e dobbiamo venirne fuori. Probabilmente la motivazione è che abbiamo sbagliato qualcosa”.

IL MOMENTO DI PIĄTEK
“Il Milan non può rinunciare all’attaccante più prolifico dello scorso campionato, perché se non segna lui non posso farlo io. Deve soffrire, poi può stare in panchina come accaduto contro il Brescia, però noi dobbiamo fare affidamento su di lui. I giocatori importanti devono stare in trincea”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *