Ultimo appuntamento in Europa prima della lunga trasferta oltre oceano per il Campionato del Mondo MotoGP, che oggi ha corso al Motorland Aragon, in Spagna, il quattordicesimo round della stagione.

Un weekend in salita per entrambi i portacolori di Italtrans Racing Team, che non sono riusciti a concretizzare gli obiettivi del fine settimana a causa dei postumi di due cadute avvenute nelle ultime prove libere e che hanno condizionato le qualifiche.

Scattato dalla quinta fila con il 15° tempo, Andrea Locatelli ha accusato forti dolori alla cervicale, che non gli hanno consentito di correre una gara regolare, concludendo a ridosso della zona punti in 17° posizione.
Gara difficile anche per Enea Bastianini, in cerca di quel feeling che manca dallo sfortunato GP dell’Austria. Partito 20° con l’obiettivo di recuperare posizioni, il romagnolo non è riuscito a mantenere un ritmo costante, concludendo 24°.

Ora una settimana di pausa prima della lunga trasferta oltre oceano, che vedrà il Motomondiale scendere in pista in Thailandia, Giappone, Australia e Malesia. Sarà importante ritrovare motivazioni, ritmo e determinazione per tornare nelle posizioni che la squadra merita.

ENEA BASTIANINI

“Speravo in un weekend diverso. Nelle libere non ho trovato il giusto ritmo e questo ha penalizzato la mia qualifica. Oggi partivo indietro in griglia e l’obiettivo era recuperare posizioni, ma purtroppo la mia è stata una gara anonima. Ora abbiamo davanti 4 round fuori Europa: è necessario ritrovare quel feeling che manca dall’Austria e portare a casa quei risultati che sono alla nostra portata”.

ANDREA LOCATELLI

“Oggi ho avuto forti dolori alla cervicale a causa della caduta di ieri. Ho faticato a mantenere la lucidità, cercando di concludere la gara e portare a casa il miglior risultato possibile. L’obiettivo era far bene, ma siamo stati rallentati dalla scivolata nelle FP3. Ora ho una settimana per recuperare prima della partenza per le quattro gare oltre oceano”.

GIOVANNI SANDI, DIRETTORE TECNICO

“Purtroppo la gara non è andata come ci aspettavamo. Sapevamo che sarebbe stata dura perché partendo da dietro non è semplice recuperare posizioni, ma mi spiace perché Enea è un pilota con le capacità per chiudere a podio. Adesso guardiamo subito alla Thailandia e alle altre gare extraeuropee con l’obiettivo di riuscire a portare a casa quel risultato che è alla nostra portata”.

FRANCO BRUGNARA, CAPOTECNICO

“Speravo in un buon risultato perché anche nel warm up Andrea era andato bene. Le sensazioni erano buone, ma in gara non abbiamo raggiunto i risultati che ci eravamo prefissati. Archiviamo questo weekend e ci prepariamo per le prossime gare”.