Al Rally San Martino di Castrozza e Primiero l’equipaggio svizzero ha ottenuto la prima affermazione come prova del trofeo di Suzuki Italia, ma la gara trentina si è rivelata decisiva per le classifiche del Girone WRC, incoronando vincitori l’aostano Simone Goldoni ed il piemontese Flavio Garella.

È festa doppia, quindi, al traguardo del centro dolomitico, con Cominelli e Fieni sul gradino più alto del podio assoluto della competizione, Roberto Pellè e Giulia Luraschi in seconda posizione e Nicola Schileo e Gianguido Furnari in terza piazza. Podio che per l’equipaggio svizzero della Mediaprom Racing assume un significato particolare poiché rappresenta il primo risultato di prestigio ottenuto nell’ambito della serie monomarca di Suzuki Italia, che va a confermare la crescita esponenziale delle loro prestazioni.

Protagonisti in ombra nelle prime battute della stagione, Cominelli e Fieni si sono elevati, a bordo della SWIFT1.6 Sport R1 gommata Toyo Tires, arrivando a capitalizzare secondi già nella precedente prova del Rally di Alba, centrando perentoriamente la vittoria al San Martino.

Passati al comando della gara dopo la seconda prova speciale (la prima è stata appannaggio di Nicola Schileo e Gianguido Furnari) e vincendo in totale cinque frazioni cronometrate, hanno incrementato la loro leadership chiudendo la due giorni dolomitica con 20″1 di vantaggio su Pellè e 33″1 su Schileo.

Pellè ha vinto una prova speciale, la Power Stage sulla piesse sei del Manghen, mentre Schileo si è messo in evidenza assoluta una seconda volta, nella nona e ultima prova di gara; anche per il driver della Winners Rally Team il risultato è a riprova di una evoluzione figlia della maggior esperienza acquisita chilometro dopo chilometro, che lascia bene intendere future affermazioni.

In attesa della finalissima di Como, il padovano si gode, dunque, il terzo posto in gara a precedere per 14″3 di vantaggio su Goldoni.

Quella offerta sulle strade dolomitiche non è apparsa una delle migliori prestazioni per Goldoni quanto, piuttosto, è risultata efficace e intelligente. Attento a non commettere errori, in talune occasioni non è stato così veloce come ci si può attendere da chi è in lotta per un’affermazione importante. L’aostano della Nordovest Racing tiene comunque conto del quarto posto finale in gara e del terzo tempo nella Power Stage che gli permettono di rimontare il punto di svantaggio che aveva prima della gara trentina e superare di un solo punto Pellè, aggiudicandosi il Girone WRC, con due affermazioni parziali nell’anno d’esordio nella Suzuki Rally Cup.

Il Girone della Suzuki Rally Cup che si è disputato in concomitanza con le prove del Campionato Italiano WRC è stato dunque vinto da Simone Goldoni, primo della Coppa ACI Sport R1, che conquista il montepremi di 14.000,00 Euro previsto da Suzuki Italia, mentre Flavio Garella si aggiudica la classifica riservata ai navigatori e 1.000,00 Euro.

Secondo è Roberto Pellè con 9.000,00 Euro, terzo Ivan Cominelli con 7.000,00 Euro che supera Andrea Scalzotto, quarto del ranking con 5.000,00 Euro di premi. A questo premio, il vicentino somma 4.000,00 Euro per la prima piazza nella classifica Under 25.

Suzuki assegna il montepremi di 4.000,00 Euro anche al quinto classificato Nicola Schileo, 3.000,00 Euro al sesto classificato Marco Longo ed al settimo pilota classificato Andrea Pollarolo assegna 2.000,00 Euro.

La Suzuki Rally Cup sposta le proprie attenzioni all’ultimo round del “Girone CIR”, previsto in ottobre al Rally Due Valli di Verona e soprattutto alla finalissima in novembre al Rally Trofeo ACI Como.

Suzuki Rally Cup, Classifica Rally San Martino di Castrozza e Primiero:

1. Ivan Cominelli e Igor Fieni (Suzuki SWIFT1.0 Boosterjet R1 – Mediaprom Racing) in 1h29’47.1;

2. Roberto Pellè e Giulia Luraschi (Suzuki SWIFT1.6 Sport R1 – Destra 4) a 20.1;

3. Schileo Nicola e Furnari Gianguido (Suzuki SWIFT1.0 Boostjet R1 – Winners Rally Team) a 33.1;

4. Goldoni Simone e Garella Flavio (Suzuki SWIFT1.0 Boosterjet R1 – Nordovest Racing) a 36.5;

5. Scalzotto Andrea e Rutigliano Nicola (Suzuki SWIFT1.6 Sport R1 – U25 – Funny Team) a 47.4;

6. Strabello Stefano e Scardoni Paolo (Suzuki SWIFT1.6 Sport R1 – Destra 4) a 2’09.5;

7. Longo Marco e Conci Mattias (Suzuki SWIFT1.6 Sport R1 – Destra 4) a 2’25.3;

8. Cappello Marco e Fabbian Simone (Suzuki SWIFT1.0 Boosterjet Rstb 1.0 – Millennium Sport Promotion) a 2’34.5;

9. Pollarolo Andrea e Pozzoni Alessandra (Suzuki SWIFT1.0 Boosterjet R1 – Novara Corse) a 2’55.3;

10. Pelosi Giovanni e Pieri Tiziano (Suzuki SWIFTR1 – G.R. Motorsport) a 5’38.3;

11. Spreafico Enrico e Frigerio Giovanni (Suzuki SWIFT1.6 Sport R1 – Abs Sport) a 6’33.3;

12. Lunelli Rino e Morelli Valentino (Suzuki SWIFT1.0 Boosterjet Rstb 1.0 – Pintarally Motorsport) a 6’45.8

Suzuki Rally Cup 2019, i vincitori del Girone WRC: Simone Goldoni Rally 1000 Miglia; Andrea Scalzotto Rally dell’Elba; Roberto Pellè Rally del Salento; Nicola Schileo Rally della Marca; Simone Goldoni Rally di Alba; Ivan Cominelli Rally San Martino di Castrozza e Primiero.

Suzuki Rally Cup Girone CIWRC Classifica dopo il sesto round

Piloti: 1. Goldoni Simone punti 81 (14.000,00 Euro); 2. Pellè Roberto 80 (9.000,00 Euro); 3. Cominelli Ivan 58 (7.000,00 Euro); 4. Scalzotto Andrea 57 (5.000,00 + 4.000,00 Euro); 5. Schileo Nicola 56 (4.000,00 Euro); 6. Longo Marco 47 (3.000,00 Euro); 7. Pollarolo Andrea 33 (2.000,00 Euro); 8. Strabello Stefano e Lunelli Rino 15; 10. Spreafico Enrico 13; 11. De Antoni Edo 11); 12. Rosso Emanuele e Cocino Ivan 10; 14. Coppe Lorenzo 7; 15. Gozzoli Stefano 5.

Navigatori: 1. Garella Flavio punti 81 (1.000, 00 Euro); 2. Luraschi Giulia 76; 3. Fieni Igor 58; 4. Conci Matias 53; 5. Rutigliano Nicola 44; 6. Furnari Gianguido 44; 7. Pozzoni Alessandra 23; 8. D’Ambrosio Sofia 19; 9. Morelli Valentino 15; 10. Frigerio Giovanni 13; 11. Argenta Nicola 11; 12. Poloni Giacomo 7; 13. Colla Giorgia 4.

Concessionario Suzuki AUTO SI di Mantova si aggiudica 1.000,00 Euro di premio per la vittoria ottenuta da Simone Goldoni al volante di una Suzuki SWIFT1.0 Boosterjet allestita in versione rally R1 da Gliese Engineering di Rivarolo Canavese.