Rappresenta il “tratto comune” tra la vecchia e la nuova stagione. Andrea Fagiolo ha deciso di rimanere nello staff tecnico della Virtus Divino Amore Calcio in cui era approdato l’anno scorso (a campionato in svolgimento) da primo allenatore: nella stagione 2019-20 affiancherà il neo tecnico Fabio Petruzzi e lo farà con il massimo entusiasmo.

Le dichiarazioni di Fagiolo

“Sarà sicuramente un’esperienza utile e formativa per il sottoscritto – dice Fagiolo – Petruzzi ha un’ampia esperienza nel professionismo e si è da subito dimostrato una persona molto umile e collaborativa. Abbiamo parlato un po’, anche in occasione della presentazione della nuova Virtus Divino Amore e le sensazioni sono state positive. Prenderemo le decisioni in staff, anche se ovviamente l’ultima parola spetterà a lui”.

C’è decisamente un’aria diversa nel club capitolino, rispetto a quanto vissuto da mister Fagiolo nella seconda parte della scorsa (sofferta) annata. “Sono cambiate tante cose: la società ha dimostrato di voler pensare in grande e cercherà di fare tesoro degli errori commessi nella vecchia stagione. Sarà allestita una squadra molto competitiva e non è un segreto che la Virtus Divino Amore proverà a fare un campionato di vertice. L’approdo in Promozione servirà in futuro al club per tornare ad allestire un settore giovanile di buon livello come c’era fino a qualche anno fa. In tal senso sarà fondamentale definire anche il discorso sul centro sportivo che per la prossima annata sarà ancora il “Millevoi”.

Ma ora è presto per parlare di queste cose”. In attesa di ricostruire i gruppi giovanili, la Virtus Divino Amore ha stretto un accordo di collaborazione con l’Asd To Work Sport, compagine di calcio a 8 che disputerà il campionato di serie A e a settembre anche il campionato del mondo per club. “Non avendo attualmente una Under 19, la società dovrà necessariamente costruire un organico più ampio. Per garantire ai ragazzi un certo spazio, quelli meno impiegati nel campionato di Prima categoria potrebbero essere utilizzati in quello di calcio a 8” conclude Fagiolo.