Volley, Qualificazione Olimpica, l’Italia non tradisce, domina la Serbia e strappa il pass per Tokyo 2020

 Volley, Qualificazione Olimpica, l’Italia non tradisce, domina la Serbia e strappa il pass per Tokyo 2020


Per uno strano scherzo del destino a quasi dodici mesi di distanza dal ko subito nel Mondiale 2018, Giannelli e compagni si sono presi la rivincita sulla Serbia, dominandola 3-0 (25-16, 25-19, 25-19), e soprattutto strappando il pass per la rassegna a cinque cerchi.

Uno spettacolo in campo, Italia totale padrone del campo, e sugli spalti: i 5500 del PalaFlorio non hanno mai abbandonato gli azzurri, accompagnandoli sino all’ultimo punto per poi esplodere di gioia.

Quella ottenuta oggi rappresenta la 12esima partecipazione olimpica per la nazionale italiana maschile, una striscia ininterrotta, ricca di gioie e medaglie, iniziata nel lontano nel 1976: Olimpiade di Montréal.

A tutto questo si somma il grande orgoglio della Fipav e di tutto il mondo della pallavolo tricolore: nel panorama italiano il volley è la prima disciplina, tra gli sport di squadra, ad aver ottenuto il pass per Tokyo 2020, sia con la nazionale maschile, che con quella femminile.

L’Italia si è guadagnata l’Olimpiade, infliggendo una dura lezione ai serbi, aggrediti sin dalle prime azioni. Perfetto il set iniziale di Giannelli e compagni, in totale controllo del gioco. Nel secondo gli avversari hanno provato ad opporre più resistenza, ma un super Zaytsev ha piazzato l’allungo decisivo. La terza frazione è stata in equilibrio, sino alle fasi centrali, quando gli azzurri si sono involati verso la vittoria e soprattutto verso la qualificazione olimpica.

L’Italia ha stravinto il duello a muro (9 a 2), in attacco (62% a 40%) e ha commesso molti meno errori rispetto alla Serbia (15 a 23). Ottima la prestazione di Ivan Zaytsev, best scorer con 16 punti (3 aces), davanti a Osmany Juantorena (13 punti). In attacco ottime le percentuali di Oleg Antonov (70%), mentre Giannelli oltre a una regia perfetta ha contribuito anche con 5 punti.
Oltre all’Italia e al Giappone (paese ospitante), negli altri gironi si sono qualificate per Tokyo 2020: Brasile, Stati Uniti, Russia, Polonia e Argentina.

CRONACA

Nella formazione iniziale le novità sono state Antonov e Anzani, confermati: Giannelli in palleggio, opposto Zaytsev, al centro Piano, in banda Juantorena e libero Colaci.
Impeccabile l’avvio degli azzurri, Zaytsev si è fatto subito sentire sia in attacco, sia a muro e gli schiacciatori serbi sono andati fuori giri (6-2). Giannelli non ha dato alcun punto di riferimento, variando spesso il gioco, e questo non ha permesso agli avversari di trovare alcuna contromisura (13-7). Le fasi successive hanno confermato la superiorità dell’Italia, totale padrone del campo sino al definitivo (25-16).

Più equilibrata la seconda frazione, Grbic dopo pochi scambi ha inserito Luburic per Atanasijevic e la Serbia ha retto l’urto degli azzurri (9-8). Il cambio di marcia l’hanno impresso Antonov e Juantorena, innescati alla perfezione da Giannelli (12-9). Combattute e spettacolari le azioni successive, i ragazzi di Blengini hanno respinto con determinazione ogni tentativo di rimonta dei serbi, prima del rush finale, firmato da Zaytsev con due aces e un attacco (25-19).

Il terzo set ha visto la Serbia provare l’allungo (6-8), ma dopo il tempo tecnico l’Italia è tornata ad imporre il proprio ritmo (14-11). La squadra di Grbic ce l’ha messa tutta per tenere viva la partita e ha retto sino al (17-18), poi i ragazzi di Blengini hanno deciso di chiudere e le fasi finali si sono trasformate in una splendida festa, sia in campo, sia sugli spalti (25-19).

GIANLORENZO BLENGINI

“Andiamo alle Olimpiadi! Ce lo diciamo da tanto tempo, era il nostro obiettivo attorno al quale girava la nostra estate. Siamo pieni di soddisfazione, siamo orgogliosi di noi stessi. Stasera ci godiamo la nostra vittoria e da domani mattina inizieremo a pensare a come proseguire. Siamo stati molto bravi a resistere nel terzo set perché le onde delle emozioni in queste partite sono dietro l’angolo. Abbiamo retto mentalmente, credo abbiamo fatto una partita non solo di grande volontà e aggressività, ma anche di testa”.

MASSIMO COLACI

“Il palazzetto era bellissimo e carichissimo, eccezionale tutto, vincere davanti a mia moglie i miei figli la mia famiglia, il gusto che ti dà la qualificazione all’Olimpiade è qualcosa d’incredibile. Per un’europea è veramente tosta qualificarsi perché ci sono tante squadre fortissime, poi a gennaio sarebbe stato ancor più complicato, questa era la nostra occasione e ci siamo meritati il biglietto per Tokyo 2020. Questo ciclo non è finito, possiamo fare di più, a questa nazionale manca una medaglia gialla da troppo tempo, indipendentemente dalla competizione, questo è il nostro grande obiettivo, non vogliamo mollare prima di raggiungerlo, ce la metteremo tutta.”.

OSMANY JUANTORENA

“Non credevamo di poter vincere 3 a 0, la Serbia è una grande squadra, era più riposata, mentre noi eravamo reduci
da una lunga battaglia con l’Australia, quindi le energie erano poche, ma ci abbiamo messo il cuore e ci siamo presi
il pass olimpico. Abbiamo vinto questo torneo, l’obiettivo era questo e sono contentissimo, complimenti a tutti noi,
a tutti i tifosi italiani, a Bari, a chi ci ha seguito da casa, ci vediamo a Tokyo!”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...


Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *