Si è tenuta questa mattina, nella splendida cornice della Sala Giunta del Palazzo degli Elefanti, la conferenza stampa di presentazione del torneo di qualificazione olimpica femminile, che si disputerà a Catania dal 2 al 4 agosto.
In rappresentanza della Federazione Italiana Pallavolo, erano presenti il presidente Pietro Bruno Cattaneo e il vice presidente Giuseppe Manfredi. A fare gli onori di casa, il sindaco Salvo Pogliese e l’Assessore allo Sport del Comune di Catania Sergio Parisi.

Tutti i relatori hanno espresso la propria soddisfazione, sottolineando l’importanza di ospitare una manifestazione di questo calibro nel capoluogo etneo sia a livello sportivo, sia per gli aspetti concernenti la promozione del territorio.
A evidenziare l’unità d’intenti e la coesione della Federazione, la presenza a Catania dei rappresentanti a tutti i livelli dei comitati Fipav. Alla conferenza stampa hanno partecipato, infatti, il consigliere federale Davide Anzalone, il presidente del comitato regionale Sicilia Giorgio Castronovo e il presidente del comitato territoriale di Catania Giuseppe Gambero, che si occuperà dell’organizzazione esecutiva dell’evento.

“Chiedere le qualificazioni per Tokyo 2020, e ottenerle, ha richiesto un investimento importante – ha esordito il presidente della Fipav Pietro Bruno Cattaneo – questo sia per le risorse a disposizione della Fipav, sia sotto il profilo della fiducia della Federazione internazionale di pallavolo nei nostri confronti. Inutile sottolineare quanto puntiamo su questo evento: le qualificazioni olimpiche, infatti, rappresenteranno il momento più importante nell’ambito dell’intensa estate della pallavolo italiana. Su Catania e s u Bari, dove si terranno le qualificazioni maschili, saranno puntati i riflettori di tutt’Italia. Sono sicuro che il pubblico siciliano non farà mancare il suo calore e che il cuore dei cittadini batterà per le azzurre.”

La stessa certezza confermata dal sindaco di Catania Salvo Pogliese: “Questo evento marcherà un cambio di passo nella promozione turistica del nostro territorio – afferma il primo cittadino etneo – Il percorso di rinascita della nostra città è cominciato, e lo sport è fondamentale nella nostra idea di sviluppo. Sono certo che la scelta della Fipav sia stata determinata dalla certezza di avere, qui nel profondo Sud, una dose aggiuntiva di entusiasmo.”

Sotto l’ombra dell’Etna, nell’agosto isolano, ad attendere le vicecampionesse del mondo ci sarà una città intera, mobilitata per tributare la giusta accoglienza al volley di altissimo livello.
“Catania deve diventare la casa dello sport e la passione dei cittadini ripagherà tutti gli sforzi fatti dagli organismi federali e dal Comune”, assicura Sergio Parisi, Assessore allo Sport della giunta comunale.