Brno, i test della Ducati

 Brno, i test della Ducati


Danilo Petrucci ha percorso 60 giri, il migliore in 1:56.345, e si è concentrato sulla ricerca di un buon feeling con la sua Desmosedici GP dopo la difficile gara di ieri.

Andrea Dovizioso ha invece potuto fare un raffronto approfondito fra i due pacchetti aerodinamici disponibili, oltre a provare alcune novità di ciclistica ed un nuovo pneumatico messo a disposizione da Michelin, ed ha chiuso in 1:56.391 portando a termine 48 giri.

Danilo Petrucci (Ducati Team #9) – 10º – 1:56.345 (60 giri)
“La giornata di oggi è stata sicuramente positiva perché abbiamo avuto tutto il tempo che ci serviva per lavorare con calma. Ho utilizzato tutto il giorno la gomma media e sul finale sono stato veloce. Abbiamo fatto un ottimo lavoro e sono contento di aver trovato un buon feeling, che mi era mancato durante tutto il weekend. Avevamo diverse cose da provare, ma dopo le difficoltà di ieri in gara abbiamo deciso cambiare programma e di focalizzarci sul ritrovare la velocità. Ho migliorato un po’ la stabilità della moto e soprattutto la fiducia nell’inserimento in curva. Spero che questo ci aiuti anche in Austria dove voglio tornare a stare davanti”.

Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 12º – 1:56.391 (48 giri)
“È stato importante fare questo test e sono contento della giornata di oggi in cui abbiamo potuto anche comparare in dettaglio la nuova carena con quella utilizzata fino a Brno, e abbiamo avuto dei riscontri positivi. Avevamo poi alcune novità di ciclistica che si sono dimostrate molto interessanti, anche se con il calo delle gomme non è sempre semplice fare un raffronto tra materiale diverso. Infine abbiamo provato anche una nuova gomma che aveva portato Michelin e mi sono trovato particolarmente bene. Adesso andiamo in Austria fiduciosi di poter fare una bella prestazione”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *