Nella seconda giornata del 5° Round della Vnl la nazionale italiana femminile ha sconfitto in rimonta 3-2 (25-19, 17-25, 23-25, 25-15,16-14) la Turchia. Al termine di una partita molto combattuta le vice campionesse mondiali, dopo essersi trovate sotto 2-1, hanno ribaltato l’inerzia della partita e al tie-break si sono andate a prendere la vittoria.
Rispetto alla sfida con il Brasile Davide Mazzanti, seguendo il programma di lavoro stabilito, ha cambiato completamente la formazione azzurra di partenza. Nel primo set l’Italia si è ben comportata, a differenza del secondo dove è stata la Turchia a comandare. Nel terzo Sorokaite e compagne hanno fatto tanta fatica e solo nel finale sono riuscite ad accorciare le distanze.

La reazione tricolore è arrivata nel quarto parziale, condotto con sicurezza dalle ragazze di Mazzanti. Nel tie-break le vice campionesse iridate dopo un brutto avvio le azzurre hanno annullato un match point alle avversarie e alla prima occasione hanno fatto proprio l’incontro.

In casa azzurra la migliore marcatrice è stata Indre Sorokaite (20 punti), davanti a Miriam Sylla (12 p.) e Lucia Bosetti (11 p.). L’Italia ha stravinto il duello a muro (18 a 11), 6 dei quali firmati da Anna Danesi. La nazionale tricolore ha ottenuto anche più aces (6 a 3) e ha commesso meno errori complessivi (25 a 36).
In classifica l’Italia occupa la seconda posizione con 11 successi e 33 punti, dietro solo al Brasile.
Quando manca solo una giornata al termine del preliminary round, si conoscono già i nomi di tutte le sei squadre qualificate che prenderanno parte alla Final Six di Nanchino (3-7 luglio 2019).

Oltre all’Italia e alla Cina (paese ospitante) prenderanno parte alle Finali: Brasile, Stati Uniti, Turchia e Polonia.
Domani le azzurre chiuderanno la fase a gironi della Volleyball Nations League, affrontando il Belgio (ore 15): gara trasmessa in diretta da Eurosport Player e in differita canale NOVE ore 00:50.

CRONACA

Questa sera l’Italia si è schierata in campo con Malinov in palleggio, opposto Sorokaite, schiacciatrici Sylla e Lucia Bosetti, centrali Danesi e Chirichella, libero De Gennaro.
Nel primo set la Tuchia ha tentato di spingere forte in battuta, ma la ricezione azzurra ha retto e Indre Sorokaite ha portato avanti le compagne (10-8). L’Italia è cresciuta gradualmente e sul (14-14) a rompere la parità ci ha pensato Miriam Sylla: inarrestabile in attacco (19-16). La squadra di casa è andata in grossa difficoltà, mentre De Gennaro e compagne hanno viaggiato spedite (25-19).

Molto diverso l’andamento del secondo parziale, le azzurre hanno faticato a ingranare e la Turchia ne ha approfittato (7-10). Karakurt è andata a segno a ripetizione (8 punti nel set), al contrario dell’Italia che ha accusato diversi passaggi a vuoto (11-17). Il pesante distacco ha tolto alle ragazze di Mazzanti la possibilità di rientrare e le padrone di casa si sono imposte (17-25).

Al ritorno in campo le vice campionesse mondiali in un primo momento hanno risposto positivamente (14-11), prima di lasciare il pallino del gioco alle avversarie (14-15). La difesa delle turche ha funzionato alla perfezione, mandando in grande confusione le ragazze di Mazzanti (16-19). Errore dopo errore l’Italia, nonostante gli ingressi di Fahr e Pietrini, ha perso sempre più terreno (17-24).
A giochi praticamente chiusi, Malinov e compagne hanno messo in piedi una bella rimonta che ha fatto tremare le

padrone di casa, ma è stata interrotta sul (23-25).
Le vice campionesse mondiali, dentro Fahr per Chirichella, si sono scosse nella quarta frazione: sull’8-7 l’Italia ha cambiato marcia e ha guadagnato un buon vantaggio sulle avversarie (14-9). Le azzurre, con in campo Pietrini per Sylla, non si sono accontentate di gestire il gap, ma hanno lavorato molto bene a muro staccando ulteriormente le turche (20-14). Il finale è stato tutto in favore di Bosetti e compagne che hanno fissato il punteggio (25-15).

Nel tie-break dopo un avvio negativo la nazionale tricolore si è riportata a contatto delle avversarie (8-9). Le turche per prime sono arrivate alla palla match, l’Italia però con grande freddezza l’ha annullata e poi non ha sprecato la propria occasione, aggiudicandosi l’incontro (16-14).

DAVIDE MAZZANTI

“Quella di oggi è stata una partita davvero faticosa, non siamo andati molto bene nel cambio palla. Certe cose non hanno funzionato troppo bene, però la qualità del nostro muro-difesa in diverse situazioni ci ha tenuto a galla. Con il passare del match siamo cresciuti in alcuni aspetti e questo è molto importante. Non avendo un buon cambio palla tutto il ritmo del gioco ne ha risentito e quindi ci sono stati degli alti e bassi. Voglio comunque i complimenti alle ragazze, sono state bravissime a far tesoro di quello che funzionava meglio e a portare a casa una bella vittoria.
La Turchia è una squadra che gioca bene, molto ordinata, e se contro di loro non fai le cose giuste ti mettono spesso in difficoltà. Penso che gare come queste siano molto importanti per crescere in vista della Final Six”.

OFELIA MALINOV

“È Stata una partita lunga e combattuta, nel corso della quale abbiamo pagato qualche disattenzione. Allo stesso modo, però, quando abbiamo giocato siamo riuscite a metterle in difficoltà. Siamo molto soddisfatte della vittoria, questo è sempre un campo difficile, la Turchia è una squadra che difende tanto ed è difficile da contenere.
Durante l’incontro ci sono stati molti alti e bassi, loro hanno sfruttato bene i momenti in cui noi siamo calate: per tenerle sotto è necessario giocare sempre a gas aperto”.

LUCIA BOSETTI

“Siamo molto soddisfatte del risultato, non era facile vincere questa partita, specialmente dopo esser andate in difficoltà nel secondo e terzo set. È mancata un po’ di lucidità nelle nostre scelte, però abbiamo avuto il merito di restare sempre attaccate alla partita. Nel quarto e quinto si è vista la nostra reazione e siamo riuscite a ribaltare l’andamento del match.
Stiamo cercando di arrivare nel migliore dei modi alla Final Six, anche se non è facile disputare tutte le partite al massimo”.