Una nuova gioia è arrivata per Movisport, nel fine settimana appena passato, in occasione del Rally Portugal, settimo appuntamento del Campionato del Mondo Rally, dove i colori del sodalizio sono portati in gara dal giovane russo Nikolay Gryazin, in coppia con Yaroslav Fedorov, con la Skoda R5 della SRT.

Gryazin ha finito in quinta posizione del WRC-2

Al termine di una gara non facile da interpretare, Gryazin ha finito in quinta posizione del WRC-2, il che gli è valso poter rimanere ai piedi del podio, in quarta posizione con 38 punti, due in meno del norvegese Veiby. Tutto questo quando alle porte c’è l’appuntamento del Rally d’Italia-Sardegna, tra quindici giorni.

Erano in lotta per il quarto posto, nel finale di gara e stavano spingendo, i due russi, ma è arrivato un “fuori programma” durante l’ultima prova speciale, la “Power Stage”, con una “toccata “posteriore che ha danneggiato le geometrie e dopo questo, la parte posteriore della vettura è diventata molto nervosa, tant’è che l’equipaggio pensava di aver forato, perdendo quindi tempo prezioso.

La missione-Portogallo è stata comunque portata a termine

La missione-Portogallo è stata comunque portata a termine, l’obiettivo di acquisire punti pesanti in chiave campionato è stato centrato, e Gryazin-Fedorov hanno dato conferma di essere in grado di lottare per il vertice della serie iridata riservata ai piloti privati.

“La gara è stata molto difficile in tutti i punti di vista – commenta Gryazin – Potevamo aspirare al quarto posto finale, non ce l’abbiamo fatta . . .  ma abbiamo sostenuto un’esperienza preziosa. Ora ci dobbiamo resettare e riposare per prepararsi al meglio per il rally in Sardegna, altra gara che prevedo dura. Mille grazie al team, al navigatore, allo staff della squadra e, naturalmente, ai tifosi”.

In visto c’è il Rally del Taro

Fermento, per questo fine settimana, per la terza prova del Campionato IRCup, il 26° Rally del Taro, a Bedonia, nel parmense, un classico di alto livello. Al via, per i colori Movisport ci saranno quattro equipaggi, “capitanati” da Gianluca Tosi e Alessandro Del Barba, con la loro Skoda Fabia R5 di Gima Autosport.

La coppia reggiana, che dopo le prime due sfide della serie internazionale occupa la terza posizione assoluta, partirà con il target di rimanere perlomeno sopra l’attico della classifica, in una sfida che si farà ancora più ostica che non gli altri due appuntamenti. Ai nastri di partenza ci saranno altri tre equipaggi:  Montanari-Costi su una Renault Clio Williams, tornano Gazzetti-Montavoci con la Peugeot 208 R2B per trovare nuovi stimoli per il monomarca Peugeot, e con la stessa vettura e gli stessi stimoli partiranno anche Nicoli-Romei.