E’ terminata con la sconfitta di domenica scorsa sul campo del Crystal Pioda (2-4 con le iniziali reti di Romozzi e De Palma) la tribolata stagione della Roma VIII Calcio in Prima categoria. Reduce dal trionfo sul campo della passata annata (cancellato dall’ormai nota sentenza sportiva), la squadra capitolina era partita anche quest’anno con ambizioni importanti.

“E’ stata una stagione molto deludente e nessuno vuole nasconderlo – dice il direttore sportivo Roberto Fagotti – E’ vero che avevamo perso la scorsa estate alcuni elementi importanti della squadra che vinse il campionato di Prima categoria sul campo nella passata stagione, ma eravamo convinti di aver preso nuovi giocatori in grado di dare continuità a quel discorso tecnico. Una serie di motivazioni, invece, non ci hanno permesso di essere protagonisti: tra questi anche una sfilza di infortuni che hanno tolto qualcosa alla squadra, a partire da quello iniziale del neo capitano Di Mena. Abbiamo chiuso la stagione col terzo miglior attacco, evidentemente è mancata la solidità necessaria per una squadra che vuole puntare ai vertici e sono stati persi per strada punti pesanti per evidenti cali di concentrazione”.

La proprietà del club capitolino, in ogni caso, ripartirà nel prossimo campionato con le medesime ambizioni degli ultimi anni. “Indubbiamente c’è stata delusione per l’esito di questa stagione, ma cercheremo di imparare dagli errori commessi nell’annata appena messa alle spalle. Di sicuro la Roma VIII vuole tornare ad essere protagonista nelle zone di vertice”.

Per farlo, Fagotti e gli altri dirigenti si sono messi al lavoro per delineare il nuovo organico. “Al di là delle qualità tecniche, punteremo sulla disponibilità e sull’atteggiamento preciso dei vari ragazzi. Una delle cose che è mancata in questa stagione è stata proprio la costanza negli allenamenti e un comportamento corretto durante la settimana e nei giorni delle gare ufficiali”.

La prima squadra, manco a dirlo, sarà di nuovo consegnata nelle mani di mister Fabrizio Fiaschetti: la Roma VIII è pronta a rialzare la testa.