Primo Gran Premio in Europa per il Campionato del Mondo MotoGP, in pista questa domenica a Jerez de la Frontera, Spagna, per il quarto round della stagione 2019.
Nonostante l’ottima partenza con il recupero di parecchie posizioni, la corsa si è dimostrata complicata a causa dall’esposizione della bandiera rossa subito al primo giro per un terrificante incidente che ha visto coinvolti Gardner, Pratama, Marquez e Bezzecchi.

Con gara ridotta a 15 giri dopo l’incidente in partenza

Con gara ridotta a 15 giri, al secondo via Enea Bastianini non è riuscito a imporsi nel gruppo di testa, ma ancora una volta ha dimostrato il grande potenziale. Grazie a un ottimo passo, confermato dal giro più veloce del GP proprio all’ultima tornata, il rookie ha sfiorato la top ten chiudendo 11°.
Performance discreta per Andrea Locatelli, che ha sofferto della mancanza di feeling con l’anteriore e non è riuscito ad andare oltre la 14° posizione finale. Il bergamasco porta a casa altri punti importanti per il campionato.

Ora il team si sposta ad Aragon per una sessione di test, mentre il prossimo appuntamento è il Gran Premio di Francia, in programma il 19 maggio a Le Mans.

ENEA BASTIANINI   11°

“È stata una gara molto difficile. Peccato per la bandiera rossa, perché avevo rimontato parecchie posizioni al via, mentre con la seconda partenza sono stato meno fortunato. Nel testa a testa con Marini ho perso terreno, ma poi ho ripreso il ritmo. Speravo di chiudere nella top ten, ma sono comunque contento”.

ANDREA LOCATELLI  14°

“Il weekend è stato positivo perché ho fatto passi in avanti rispetto ai test di questo inverno qui a Jerez, ma oggi non sono soddisfatto. Mancava feeling sull’anteriore ed è quello su cui lavoreremo nei test dei prossimi giorni ad Aragon”.

GIOVANNI SANDI, DIRETTORE TECNICO

“Sapevo che potevamo fare una bella gara nonostante fossimo indietro in griglia. Peccato per l’interruzione, perché aveva fatto un’ottima partenza e poteva andare a podio. Enea ha rimontato molto grazie a un buon passo e il miglior tempo all’ultimo giro ne è la dimostrazione. Bravo!”.

FRANCO BRUGNARA, CAPOTECNICO

“Bene la prima partenza. La seconda discreta, ma la gara di Andrea non è stata quello che mi aspettavo, perché non è riuscito a mantenere un buon passo. Ora ci spostiamo ad Aragon per lavorare sui punti deboli”.