“Il campionato si presenta estremamente ricco di partecipanti di valore ma sappiamo di poter disporre di un mezzo competitivo e di avere tutte le carte in regola per puntare in alto”, dice Dionisio che correrà con una vettura del Team Italy gestita da BF Motorsport

Approdato nel Campionato Italiano TCR lo scorso anno, nel 2019 Ermanno Dionisio torna al volante della sua Audi RS3 LMS DSG nella prima edizione del Campionato Italiano TCR DSG Endurance con l’obiettivo dichiarato di puntare al titolo. La vettura del pilota bresciano sarà gestita in occasione delle sei gare del campionato dalla struttura tecnica cesenate BF Motorsport che fa capo all’esperto Imerio Brigliadori, mentre la direzione sportiva sarà affidata al confermato Aldo Malchiodi.

Il driver bresciano si  prepara ad affrontare la sua ennesima stagione agonistica

Classe 1959, il driver bresciano si  prepara ad affrontare la sua ennesima stagione agonistica, forte della grande esperienza maturata in quarant’anni di gare: dopo essersi cimentato nei rally a far data dal 1979, cogliendo successi in ambito nazionale ed internazionale al volante delle più disparate vetture (dalla “piccola” A112 alla performante Lancia 037), nell’ultimo decennio Ermanno Dionisio si è avvicinato alla pista, disputando blasonati appuntamenti dei campionati Gran Turismo in Italia e all’estero e cogliendo importanti risultati al volante di Jaguar, Audi, Lamborghini, Seat e Volkswagen.

Il regolamento del Campionato Italiano TCR DSG Endurance è strutturato su gare della durata di due ore e, per questo, Ermanno Dionisio si alternerà al volante con il giovane Giacomo Barri, classe 1991. Pilota in attività dal 2007, Barri ha corso molto nell’Italiano GT, su Porsche e Lamborghini, con la quale ha disputato anche il Supertrofeo, e si è cimentato in qualche tappa dell’Asian Le Mans Series.

Ermanno Dionisio, la dichiarazione

“Dopo anni al volante di vetture più potenti, lo scorso anno ho iniziato a gareggiare con l’Audi RS3 LMS nel Campionato Italiano TCR puntando al titolo DSG ed al primato nella categoria AM”, ha dichiarato Ermanno Dionisio. “Avevo iniziato bene, concludendo a podio i primi due appuntamenti, a Imola e Paul Ricard, ma poi la mia stagione ha subito un brusco stop a causa degli ingenti danni riportati dalla mia macchina in un contatto a Misano e…. addio sogni di gloria!

“Ci riprovo quest’anno, più determinato che mai, supportato da importanti brand internazionali ed affidandomi all’esperienza di BF Motorsport: dopo l’anno di ‘apprendistato’ con il cambio DSG, confido di fare bene fin dalla prima gara a Monza e sono certo che Giacomo Barri potrà contribuire a raggiungere gli obbiettivi che ci siamo prefissati”, aggiunge il driver bresciano.

“Il campionato si presenta estremamente ricco di partecipanti di valore ma sappiamo di poter disporre di un mezzo competitivo e di avere tutte le carte in regola per puntare in alto: affronteremo la stagione senza timori reverenziali e determinati a ben figurare”, conclude Ermanno Dionisio.

Giacomo Barri, la dichiarazione

“Per me sarà una stagione di apprendimento, perché sono abituato a correre con macchine a trazione posteriore e con potenze diverse”, spiega Giacomo Barri. “Purtroppo per i rispettivi impegni di lavoro, io e Dionisio non riusciamo ad organizzare uno shakedown, e scoprirò il feeling con l’Audi solo il venerdì della prima gara a Monza, quando scenderò in pista per le prove libere”.

Una situazione analoga il comasco Barri l’aveva già vissuta. “In una gara in Asia arrivai in pista senza aver mai provato la macchina e il riscontro fu molto positivo”, racconta Barri, che nel suo palmares ha anche una bella vittoria in una gara endurance: la 12 Ore del Mugello, disputata tre anni fa su Lamborghini con Gianluca De Lorenzi.

Barri ha scelto il Campionato Italiano TCR DSG Endurance per il suo alto tasso di competitività: “Sicuramente si prospetta uno dei campionati più belli e combattuti. Io sulle prime lo affronterò in punta di piedi, proprio per la mancanza di esperienza con questa macchina. Conto di iniziare a dire la mia al Mugello e a Imola, che in Italia sono le mie piste preferite”,  conclude Barri.