Dopo aver sfiorato il colpaccio sul campo dell’Atletico Monteporzio secondo della classe, la Prima categoria del Casilina Calcio è ricaduta in una giornata totalmente storta. Sul campo della Roma VIII, la squadra di mister Marco Piccirilli non è riuscita a esprimersi come può e ha ceduto per 4-0.

“Una gara in cui abbiamo totalmente sbagliato l’approccio tanto che dopo trenta minuti eravamo già sotto di tre reti – sottolinea l’allenatore capitolino – Avevamo qualche defezione e probabilmente la squadra ha accusato il contraccolpo del match di Monteporzio in cui avrebbe meritato di portare via dei punti, ma non dobbiamo accampare scuse: meglio dimenticare al più presto la gara di domenica scorsa e guardare oltre”.

Al prossimo turno, il primo dei quattro match casalinghi rimasti da giocare nella stagione regolare. “Ospiteremo lo Sporting San Cesareo che all’andata ci ha battuto 4-3 in un match infrasettimanale di recupero della sfida inizialmente rinviata per maltempo. Si tratta di un avversario che propone calcio e che non è abituato a fare barricate: all’andata eravamo sotto 3-0 e nel finale rischiammo di pareggiarla. La loro classifica è tranquilla e al momento siamo chiaramente più motivati: d’altronde il nostro obiettivo è riuscire a vincere tutte le quattro gare interne rimanenti”.

Dodici punti che, con ogni probabilità, non basterebbero per centrare la salvezza diretta: “A questo punto bisogna guardare la realtà e pensare a piazzarci nella miglior posizione possibile in vista dei play out, visto che la salvezza diretta è lontana otto punti” rimarca Piccirilli che poi frena sulle domande relative al futuro del club della famiglia Coratti.

“Il gruppo dirigenziale che fa capo a Fernando Liverotti e che si occupa della gestione della prima squadra non ha perso entusiasmo e aveva messo in preventivo di poter trascorrere una stagione sofferta. Per quanto riguarda me, al momento non è semplice pensare di vivere un’altra annata di questo tipo, ma è prematuro per fare ogni tipo di discorso: a fine campionato ci siederemo a un tavolo e faremo le nostre valutazioni”.