I compagni già lo chiamano “talismano”. D’altronde i numeri parlano chiaramente: da quando l’ala/guardia classe 1996 Edoardo Pedemonte ha fatto il suo esordio con la serie C Gold del Club Basket Frascati, la squadra di coach Rossella Cecconi ha inanellato quattro vittorie consecutive. Le ultime due, in rapida sequenza, sono arrivate mercoledì scorso sul campo del Pass e sabato su quello della Smit. «Sono contento del mio impatto qui – sorride Pedemonte – I compagni scherzano su questa statistica, ma speriamo di portarla avanti il più a lungo possibile». L’ex giocatore della Fortitudo non giocava da qualche mese in gare ufficiali. «Ho avuto una discussione nel mio ex club e ho dovuto attendere la “finestra di mercato” per trovare una nuova soluzione.

Ho valutato diverse offerte, ma quella del Club Basket Frascati mi ha convinto: ho trovato una società seria ed ambiziosa, un gruppo di giocatori molto valido che in parte già conoscevo e anche un tecnico molto preparato come la Cecconi che ritengo sia tra gli allenatori più competenti di questa categoria. Inoltre io vivo a Monte Compatri e dunque anche logisticamente questa rappresentava un’ottima soluzione per me». Pedemonte parla delle ultime due vittorie ravvicinate messe a segno dal gruppo tuscolano.

«Sono stati quattro punti molto pesanti che ci danno una grossa fiducia e tanta benzina in vista dei prossimi impegni. Ora ci apprestiamo a giocare un’altra partita in trasferta contro una Stella Azzurra Viterbo che si è rinforzata recentemente e che rappresenta un ostacolo davvero importante». L’ala/guardia si sbilancia sull’obiettivo da perseguire. «In questo momento siamo quarti insieme a Frassati e Anzio e non distanti dal Formia secondo (che è a +4, ndr) e dal San Paolo terzo (+2, ndr). Questa squadra ha le potenzialità per raggiungere almeno il quarto posto».

Anche perché, oltre ad elementi di esperienza, ci sono giovani estremamente interessanti. «Mi piace la filosofia del club e questi ragazzi, che hanno talento e si impegnano con costanza, stanno maturando un’esperienza davvero preziosa in una categoria difficile come la C Gold» conclude Pedemonte.