Le difficoltà non abbattono la Virtus Divino Amore calcio. La società ardeatina non è stata “fiaccata” dalle notissime vicende per la gestione del “Millevoi” che l’hanno condizionata in estate e che hanno impedito al club di ripartire con l’attività di settore giovanile e Scuola calcio, mettendo in dubbio anche l’iscrizione al campionato di Prima categoria.

La prima parte di stagione della prima squadra è stata inevitabilmente influenzata da questi accadimenti e ora la Virtus Divino Amore è nelle zone di retrovia del gruppo G, ma la società è già intervenuta nel mercato di riparazione portando a casa l’accordo con sette giocatori: si tratta di Valerio e Giordano Fagiolo (fratelli del tecnico Andrea, il primo terzino ex Cavese e il secondo centrocampista ex Indomita), Nicolò Salveta (centrocampista ex Fonte Meravigliosa, già l’anno scorso alla Virtus Divino Amore), Luca Cimini (esterno ex Fonte Meravigliosa), Giordano Marino (centrocampista ex Atletico Lodigiani), Davide Roano (esterno alto, anche lui di ritorno alla Virtus Divino Amore) e soprattutto Marco Ascenzi (attaccante classe 1981 ex Pomezia che ha iniziato la stagione al Crecas in Eccellenza e che ha avuto un lungo passato tra i professionisti in piazze come Ascoli, in serie B, e Avellino, Taranto e Vercelli in serie C).

L’esperto bomber ha già esordito disputando una manciata di minuti del match pareggiato domenica scorsa in casa con la Clembofal, uno 0-0 che ha rappresentato comunque il quarto risultato utile consecutivo della formazione di mister Andrea Fagiolo. «Gli innesti operati in questo periodo sono stati fatti per creare una maggiore competitività all’interno della rosa e per far crescere i tanti ragazzi che abbiamo in organico – spiega il vice presidente Sergio Randò – Ringrazio pubblicamente il dg Manuel Delle Chiaie e il ds Gianluca Carraro per il lavoro svolto, ma anche il presidente del Pomezia Alessio Bizzaglia che è vicino al nostro club e che ha agevolato la trattativa per Ascenzi. Ma questi innesti sono anche il segnale chiaro della nostra voglia di riportare la nostra prima squadra in alto nel prossimo futuro.

A partire dal prossimo anno abbiamo intenzione di ripartire col settore giovanile e una Scuola calcio che vorremmo fare anche al femminile oltre che al maschile. Se sarà possibile lo faremo al “Millevoi”, altrimenti abbiamo già studiato soluzioni alternative di strutture che ricadono in questo territorio o anche pensando anche all’ipotesi di costruire un centro sportivo ex novo».