F1, Brasile: le qualifiche dei ferraristi





SEB (P2, 1’07’’364 con le Supersoft, partirà con le Soft):
“Penso che sia chiaro quello che è successo oggi, per cui credo dovremmo parlare solo delle qualifiche. Oggi abbiamo fatto una buona serie di giri e abbiamo gestito bene le gomme. Nel mio ultimo giro in Q3, ho commesso un piccolo errore in curva 8 e questo mi è costato tempo e slancio. Sapevo di dover spingere un po’ di più, e che forse avrebbe funzionato o forse no: alla fine non è andata bene, ma non mi lamento visto che la macchina oggi era davvero buona da guidare. Partire con le Soft domani potrebbe risultare utile per la gara, a meno che non piova ovviamente: abbiamo un’idea di quale potrebbe essere lo svantaggio in uscita per via della minore aderenza della mescola più dura, ma il tratto fino alla prima curva è davvero breve, per cui si vedrà. Credo che molto dipenderà da quanto riusciremo a fare in partenza per far sì che tutto vada per il verso giusto”.

KIMI (P4, 1’07’456 con le Supersoft, partirà  con le Soft):
“Considerando quanto sia stato difficile il weekend fino ad oggi, queste qualifiche sono state la sessione migliore per noi. Il risultato ovviamente non è ottimale, ma abbiamo fatto un buon lavoro. Sono soddisfatto di come si è comportata la macchina ed c’è ottimismo per domani. In Q2 le condizioni erano complesse, c’era il rischio che piovesse, ma abbiamo deciso di uscire con le Soft per fare un tentativo e per poter iniziare la gara con questa mescola e ha funzionato. Credo che questa sia l’opzione migliore per noi, ma vedremo; sono molte le cose che possono accadere in gara. Nel mio ultimo tentativo, la prima parte del mio giro è andata bene, ma poi ho perso un po’ nell’ultimo settore. Ho cercato di recuperare nell’ultima curva ma non sono riuscito a migliorare il mio giro. Il divario rispetto ai piloti davanti è minimo, eravamo tutti vicini. Domani la gara sarà molto interessante”.






Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 5324 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*