MotoGp, Malesia 2018: la pagella del Dicos

 MotoGp, Malesia 2018: la pagella del Dicos


MARC MARQUEZ 10: Anche quando la posta in gioco è meno importante, continua ad aver voglia di fare il bottino pieno. La penalizzazione lo rende ancora più incisivo e nelle tornate finali costringe all’errore uno che, a detta di qualche urlatore, con la sola presenza e imposizione delle mani, metteva sotto pressione gli avversari. Straordinario!

ALEX RINS 9: Il ragazzo di Barcellona conquista il quarto podio stagionale e giustifica ancora una volta le scelte della Suzuki. Poco gossip ma tanta sostanza e manico. Bravo!

JOHANN ZARCO 8,5: Il francese è la dimostrazione che la M1 tanto una ciofeca non è. Perde un bel duello con Rins ma porta a casa un podio dal buon sapore. Prima Yamaha al traguardo, primo privato alla bandiera a scacchi. Chapeau!

MAVERICK VINALES 7: Come al solito parte male ma questa volta il recupero non gli riesce completamente. Certo la quarta posizione non è malvagia, ma vedere un rider della stessa casa in versione privata arrivare davanti non è cosa buona e giusta. Agrodolce!

DANI PEDROSA 6: Nella penultima gara nella massima serie è autore del classico compitino senza né infamia né lode. Sufficiente!

ANDREA DESMODOVI 4,5: Il vincitore delle ultime 2 edizioni malesi è autore di una prestazione condita da troppi errori e troppo brutta, nonostante il desmomissile. Diventa vicecampione del mondo ma, a mio avviso, non c’è molto da gioire. Rimandato!

VALENTINO ROSSI 4: Che sia quella degli pneumatici o degli avversari, Mister 9 volte soffre un tantino la pressione. A 4 tornate dal traguardo, mentre era primo su un Marquez che recuperava furiosamente, scivola. Un errore che se da un lato evidenzia che la M1 è una buona moto, dall’altro getta nello sconforto chi commenta la gara. Vale così non si fa, regalare questa amarezza a chi tra altezza e peso non sa più che scuse scusare…Mannaggia mannaggia!

HONDA: Marquez le offre anche il titolo costruttori.

SUZUKI: Piacevole sorpresa.

YAMAHA: Ritrovata.

DUCATI: Fuori luogo nella gestione del caso Lorenzo, fuori luogo al traguardo.

APRILIA e KTM: Lontane lontane…

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp.

Загрузка...


Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *