MARC MARQUEZ 10: Anche quando la posta in gioco è meno importante, continua ad aver voglia di fare il bottino pieno. La penalizzazione lo rende ancora più incisivo e nelle tornate finali costringe all’errore uno che, a detta di qualche urlatore, con la sola presenza e imposizione delle mani, metteva sotto pressione gli avversari. Straordinario!

ALEX RINS 9: Il ragazzo di Barcellona conquista il quarto podio stagionale e giustifica ancora una volta le scelte della Suzuki. Poco gossip ma tanta sostanza e manico. Bravo!

JOHANN ZARCO 8,5: Il francese è la dimostrazione che la M1 tanto una ciofeca non è. Perde un bel duello con Rins ma porta a casa un podio dal buon sapore. Prima Yamaha al traguardo, primo privato alla bandiera a scacchi. Chapeau!

MAVERICK VINALES 7: Come al solito parte male ma questa volta il recupero non gli riesce completamente. Certo la quarta posizione non è malvagia, ma vedere un rider della stessa casa in versione privata arrivare davanti non è cosa buona e giusta. Agrodolce!

DANI PEDROSA 6: Nella penultima gara nella massima serie è autore del classico compitino senza né infamia né lode. Sufficiente!

ANDREA DESMODOVI 4,5: Il vincitore delle ultime 2 edizioni malesi è autore di una prestazione condita da troppi errori e troppo brutta, nonostante il desmomissile. Diventa vicecampione del mondo ma, a mio avviso, non c’è molto da gioire. Rimandato!

VALENTINO ROSSI 4: Che sia quella degli pneumatici o degli avversari, Mister 9 volte soffre un tantino la pressione. A 4 tornate dal traguardo, mentre era primo su un Marquez che recuperava furiosamente, scivola. Un errore che se da un lato evidenzia che la M1 è una buona moto, dall’altro getta nello sconforto chi commenta la gara. Vale così non si fa, regalare questa amarezza a chi tra altezza e peso non sa più che scuse scusare…Mannaggia mannaggia!

HONDA: Marquez le offre anche il titolo costruttori.

SUZUKI: Piacevole sorpresa.

YAMAHA: Ritrovata.

DUCATI: Fuori luogo nella gestione del caso Lorenzo, fuori luogo al traguardo.

APRILIA e KTM: Lontane lontane…

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp.