Eusebio Di Francesco, al termine del match, ha elogiato così la prova dei suoi ragazzi.

“Abbiamo dato continuità di gioco e infatti la squadra mi è piaciuta tanto. I centrocampisti iniziano a muoversi bene e a scambiarsi nel modo giusto: è quello su cui abbiamo lavorato in questi giorni con il 4-2-3-1, senza perdere la mentalità sugli inserimenti in area degli esterni. Sono contento dell’interpretazione della gara, che abbiamo subito messo nella direzione giusta. In Champions non è mai facile vincere, ma noi abbiamo giocato e fatto divertire la gente. Fare tanti gol nel girone, poi, è importante”.

Dopo una serie di esperimenti pensi di aver trovato la giusta quadratura del cerchio?

“Cercavo di trovare le soluzioni giuste per questa squadra, sperimentare a Roma sappiamo che non è mai facile, ma ho sempre tentato di mettere i giocatori nelle condizioni giuste. Non volevo modificare del tutto il mio 4-3-3, ma mi sono reso conto che negli interpreti e nelle situazioni era necessario modificare qualcosina. Abbiamo trovato le risposte giuste e ora cercherò di cambiare il meno possibile, sì modificando gli interpreti ma cercando la continuità di gioco. Sono abituato a trasmettere dei concetti durante gli allenamenti e sono contento di quello che i ragazzi stanno mettendo in campo, la determinazione e il desiderio di giocare insieme”.

La posizione di Pellegrini è cambiata e ha giocato benissimo, quasi meglio di quanto facesse Nainggolan. Potrà diventare un calciatore importante per questa squadra?

“Sono molto contento per Lorenzo, è un giocatore che ho voluto fortemente al Sassuolo e lì è cresciuto con me. Ha fatto spesso la mezzala, ma anche a lì lo avevo schierato in quel ruolo nel 4-2-3-1 e mi aveva dato risposte importanti. Gli auguro di diventare meglio di Nainggolan: in quella posizione può far male, ha l’idea della verticalità e sta interpretando al meglio il ruolo. Sono felicissimo, è un ragazzo che merita, a volte ha ricevuto delle critiche ingiuste e ha avuto la personalità per calarsi al meglio in questa posizione: ovviamente gol e prestazioni gli hanno dato le certezze che prima non aveva”.