MotoGp, Silverstone: le statistiche

 MotoGp, Silverstone: le statistiche


Andrea Dovizioso ha vinto la gara dello scorso anno dopo una rimonta in cui ha superato Lorenzo, Crutchlow, Marquez, Viñales e Rossi.
 
Andrea Dovizioso ha conquistato la sua prima vittoria in MotoGP al Gran Premio d’Inghilterra del 2009, nell’ultima edizione di questa gara sulla pista di Donington Park. Dall’anno successivo il GP si è sempre svolto a Silverstone.
 
Jorge Lorenzo ha accumulato 3 vittorie, 4 podi e 114 punti negli ultimi 6 GP di quest’anno, diventando così il miglior pilota del campionato in questo periodo di tempo, davanti a Marc Marquez con 106 punti.
 
Lorenzo ha vinto gli stessi tre GP che Dovizioso aveva vinto l’anno scorso in questa fase del campionato. Con Silverstone si è arrivati al circuito in cui Andrea aveva ottenuto la sua quarta vittoria del 2017.
 
Al GP d’Austria la Ducati ha piazzato tre delle sue moto nelle prime quattro posizioni della griglia di partenza per la prima volta in assoluto.
 
Jorge Lorenzo è il pilota in attività con più vittorie a Silverstone: tre (2010, 2012 e 2013). Nella classe superiore solo Kenny Roberts aveva ottenuto lo stesso numero di vittorie (1978, 1979 e 1983).
 
Nel 2013 Lorenzo ha ottenuto una spettacolare vittoria superando Marc Marquez all’interno della penultima curva dell’ultimo giro.
 
Il record di velocità della MotoGP a Silverstone è di 332,40 km/h, ottenuto da Andrea Iannone (Ducati) nella sessione di FP3 del 2015.
 
Curiosità
 
Con i suoi 5,9 km Silverstone è la pista più lunga dell’intero campionato, e insieme al circuito di Austin è l’unico in cui i tempi sul giro superano i 2 minuti.
 
Nel 2011 tra le attuali curve 10 e 11 è stata costruita una nuova struttura per i box, che però è stata utilizzata per la MotoGP solo nel 2011 e 2012. Dall’anno successivo si è tornati ai box sul vecchio rettilineo di partenza preceduto dalla famosa curva di Woodcote. Attualmente le nuove strutture sono utilizzate solo per la Formula Uno.
 
Il circuito di Silverstone è apparso per la prima volta in calendario nel 1977, sostituendo il Tourist Trophy dell’Isola di Man. Da allora la gara è stata ribattezzata Gran Premio di Gran Bretagna.
 
Anche se la pista ha 18 curve, i piloti frenano solo 11 volte al giro, per un totale di 34 secondi.
 
Il punto di frenata più impegnativo è quello della curva 7, in cui le moto rallentano da 330 km/h a 112 km/h, con una forza di 6.9 kg applicata sulla leva del freno. Tuttavia la frenata più lunga in termini di distanza e tempo è quella della curva 16: 259 metri in 4.9 secondi per passare da 299 km/h a 97 km/h.
 
Dal 2010, quando il GP è tornato sul circuito di Silverstone, due gare si sono svolte sotto la pioggia: nel 2011 quando la vittoria è andata a Casey Stoner, e nel 2015 con la vittoria di Valentino Rossi.
 
Il circuito di Silverstone si trova a circa 120 km a nord-ovest di Londra, vicino a Northampton, sul confine tra Northamptonshire e Buckinghamshire dove si trova l’ingresso principale del circuito.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *