Mondiale di Sitting Volley: domani Italia-Olanda vale la semifinale





La nazionale femminile di sitting volley, reduce dalla storica qualificazione ai quarti di finale del Campionato Mondiale 2018, si è trasferita oggi a Rotterdam dove domani (ore 18) affronterà l’Olanda.
Tanta è la felicità in casa azzurra, perché alla vigilia della manifestazione non era facile pensare che l’Italia potesse accedere tra le prime otto formazioni al mondo, eppure la nazionale tricolore ce l’ha fatta.
Alla prima partecipazione in una rassegna iridata Vitale e compagne partita dopo partita hanno conquistato il secondo posto nella pool C e soprattutto l’accesso ai quarti di finale, con la possibilità di giocarsi domani le proprie chances contro le padrone di casa olandesi (prima della pool A).
Alla vigilia dell’importantissima sfida queste le parole del direttore tecnico Amauri Ribeiro: “Sapevamo che arrivare ai quarti era difficilissimo, ma penso che la partita contro la Cina ci abbia dato la spinta decisiva. Abbiamo perso, però, le ragazze hanno mostrato buone cose contro una delle migliori formazioni al mondo. Aver preso fiducia nei nostri mezzi ci ha aiutato a superare la Slovenia e soprattutto l’Iran, formazione molto simile a noi dal punto di vista tecnico, ma con molta più esperienza a livello internazionale.
Le ragazze sono state fantastiche, ci hanno creduto sempre e sono riuscite a mettere in campo il loro grande cuore”.
“Per tutto il movimento italiano essere tra le prime otto squadre al mondo rappresenta un grandissimo risultato – prosegue Amauri – Spero che questo possa aiutare la nostra disciplina a crescere ancora di più. Rispetto ad altre nazionali secondo me noi abbiamo ampi margini di crescita, la strada da fare è ancora tanta, però sappiamo di andare nella direzione giusta e anche a livello internazionale se ne stanno accorgendo”.
La chiusura è dedicata al quarto di finale contro l’Olanda: “È una squadra che conosciamo bene, avendola già affrontata diverse volte in amichevole. Sono molto esperte e inoltre possono contare sul pubblico di casa, sappiamo che sarà una sfida molto dura, ma dalle mie ragazze mi aspetto il massimo. Siamo consapevoli di poter fare bene, dovremo crederci sino alla fine”.
Dello stesso tenore le parole del capitano Alessandra Vitale: “Ci presentavamo a questo Mondiale dopo un ottimo periodo di lavoro e quindi la speranza di fare bene era davvero tanta. Essersi qualificate ai quarti di finale è qualcosa di fantastico, negli ultimi tre anni abbiamo fatto dei passi da gigante. In campo oltre alle doti tecniche si sono viste grinta e volontà, due elementi fondamentali del nostro gruppo”.
“L’Olanda è un’avversaria molto forte che ha tanta esperienza – conclude Alessandra – Dovremo preparare la partita nella migliore maniera, secondo me abbiamo i mezzi per poterle mettere in difficoltà”.

LE AZZURRE – Giulia Bellandi, Raffaella Battaglia, Giulia Aringhieri, Francesca Bosio, Sara Cirelli, Sara Desini, Silvia Biasi, Flavia Barigelli, Eva Ceccatelli, Alessandra Vitale, Michela Magnani, Roberta Pedrelli.

STAFF – Amauri Ribeiro (Direttore Tecnico), Fabio Ormindelli (2°allenatore), Emanuele Fracascia (3°allenatore), Angelo Pizzolato (Medico), Mattia Pastorelli (Fisioterapista), Glauco Ranocchi (Preparatore Atletico), Elva De Sanctis (Team Manager).  

Classifiche




Pool A
Olanda 3 v, Canada 2 v, Ruanda 1 v, Croazia 0 v.

Pool B
Stati Uniti 3 v, Russia 2 v, Giappone 1 v, Ungheria 0 v.

Pool C                                               
Cina 2 v, Italia 2 v, Iran 1 v, Slovenia 1 v.

Pool D
Brasile 3 v, Ucraina 2 v, Finlandia 1 v, Egitto 0 v.

Calendario – Quarti di finale

19 luglio (Rotterdam): ore 11 Stati Uniti – Ucraina; ore 13 Cina – Canada; ore 15 Brasile – Russia; ore 18 Olanda – Italia.



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 5315 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*