Riflessioni sulla vittoria di Lorenzo e sullo Schifgello

 Riflessioni sulla vittoria di Lorenzo e sullo Schifgello


La tappa del Mugello ha regalato agli appassionati di moto il primo successo di Jorge Lorenzo in sella alla Ducati. Un’affermazione avvenuta nella patria di chi proprio sulla rossa ha fallito clamorosamente.

 

La cronaca dice anche che sul podio ci sono anche due italiani, il Dovi e Rossi. La scivolata di Marquez consente ai rivali di accorciare in classifica; prima di parlare di mondiale riaperto ci penserei, però, più volte.

 

Il maiorchino zittisce chi lo ha dato per finito anche se una rondine non fa primavera. Di sicuro ha ragione quando dice, in merito a se stesso, che è un campione. La Ducati, ancora una volta, dimostra che nella gestione dei piloti ha ancora molto da imparare.

La telecronaca parte in modalità Pavarotti ma termina in quella marcia funebre; come mai, mannaggia mannaggia? Tutto sommato le solite dinamiche di un fine settimana di gara, ma, anche questa volta, i soliti tifosi, hanno mostrato quanto la mente può avere dei livelli alti di sottosviluppo e di odio.

 

Pirro cade durante le prove e si teme il peggio; gli imbecilli fluorescenti, però, non fanno altro che fischiare Marquez quando viene ripreso. Lorenzo vince e sul podio viene accolto da una bordata di fischi. Va detto che qualche imbecille si è anche divertito nel costruire una sorta di tomba per Marquez. Dove erano i controlli?

Il massimo delle offese di questi vermi viene raggiunto alla scivolata di Marquez; un’orgia che si è consumata tra schizzi di merda e briciole di un biscotto indigesto.

L’appuntamento del Mugello è diventato, dispiace dirlo, una sorta di evento dove questi rifiuti indegni di essere accostati al motociclismo, si uniscono come pecore e offrono il loro lato migliore, ossia l’omologazione e l’appiattimento verso l’odio.

Li vedi vestiti uguali ed anche di notte riesci a distinguerli, non solo perché fluorescenti ma anche per la loro demenza; occhio a quando aprite il frigo, potreste ingerire bevande non digeribili…

 

Non è la prima volta che questi schifosi sporcano con i loro insulti e la loro presenza il motociclismo. Ancora più schifoso, permettetemi, è chi dovrebbe prendere le distanze ma, puntualmente, rimane zitto; evidentemente un certo business ed un certo marketing impongono il silenzio. Per fortuna, va detto, questi escrementi hanno vita breve. Appena qualcuno si ritirerà, si scioglieranno come il ghiaccio sporco al sole e di loro rimarrà solo la polvere. A dire il vero ci sarebbe un’altra cosa strana: come può una moto passare, in meno di due settimane, da cancello a strumento di record? Ma questa è un’altra storia. Mi limito a descrivere lo Schifgello andato in onda in mondo visione.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...



Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

3 Commenti

    Avatar
  • Ok anche a me non piace chi fischia un “avversario” o peggio…le masse enormi e indistinte sono spesso odiose…però tra quelli con le maglie gialle al Mugello ci sono anche centinaia di tifosi veri che amano Valentino e il Motociclismo con la M maiuscola, persone che hanno applaudito senza remore Lorenzo. Occhio a far di tutta l’erba un fascio perchè sembra quasi che non sia lecito addirittura tifare gioiosamente per Rossi!

      Avatar
    • Come citato nell’articolo, la colpa è anche di chi sta vicino a chi di motociclismo ne sa ben poco e tifa calcisticamente ( sarebbe sbagliato tifare così anche in uno stadio ) augurando la morte a ragazzi che si emozionano ed emozionano la gente. Oramai i tifosi di rossi da “stadio” si possono riconoscere in scenari stile animali da branco allo zoo, i tifosi veri come sicuramente ci sono farebbero bene a denigrarli o addirittura a prender parte lesa in quanto il vero motociclismo, non è assolutamente questo.

  • Avatar
  • Infatti
    Il Vr46 ha sempre fatto qualifiche opache e incolpava elettronica e telaio.
    Ma il vero schifo è stato jerez 2016
    Tutti con problemi di gomme in gara tranne uno
    Misteriosamente nei test del lunedì successivo gli altri sono tornati al top senza problemi e il vr46 nelle retrovie.
    Non è un caso
    È puramente voluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *