Botti di fine stagione per la Lega Italiana Rugby Football League, Lirfl. L’ente presieduto da
Pierluigi Gentile, oltre a dedicarsi al consueto spettacolo del campionato italiano, regalerà
agli appassionati di rugby a 13 anche un nuovo incontro della Nazionale italiana. I dettagli
devono essere ancora messi a punto, ma la scorsa settimana c’è stato un vertice in cui è
stato deciso di portare una partita degli azzurri in Umbria e precisamente a Spoleto a fine
giugno (dunque col campionato in corso d’opera). Tra i promotori dell’iniziativa c’è stato
Elias Ligi, giocatore degli Hammers e della Nazionale.

Le dichiarazioni di Elias Ligi

«È una cosa di cui parliamo da diverso tempo nel nostro ambiente – racconta Ligi – Abbiamo optato per Spoleto perché, assieme all’amico Alessandro Ruisi, giochiamo lì con la locale squadra di rugby a 7. È una bellissima struttura e l’ambiente segue molto il mondo della palla ovale in tutte le sue sfaccettature, quindi sono convinto che ne uscirà una splendida giornata di rugby».

All’incontro, oltre a Pierluigi Gentile, Elias Ligi e Alessandro Ruisi, hanno partecipato il presidente dello Spoleto rugby Luca Manni, il consigliere delegato allo sport del Comune di Spoleto Roberto Settimi, il dirigente finanziario comunale Claudio Gori e il consigliere della Lirfl e responsabile arbitri Roberto D’Amico. «Il lavoro di promozione del rugby a 13 che hanno fatto gli Hammers in tutta la regione Umbria è stato notevole negli ultimi anni – prosegue Ligi – E questo evento non farà altro che implementare l’interesse verso la nostra disciplina».

L’avversario degli azzurri dovrebbe essere quel Pakistan che invece ha ospitato l’Italia del rugby a 13 nello scorso mese di novembre. Una partita che Ligi ha giocato con la maglia della Nazionale, “rimettendoci” anche un braccio (frattura del radio). «Ho già collezionato cinque gettoni con l’Italia del rugby a 13: sarebbe bellissimo poter essere presente anche in questo appuntamento “casalingo”, visto che sono umbro doc. Ma sarà davvero emozionante anche solo vedere una gara della Nazionale nella nostra regione».