Torna la Champions League, la massima rassegna continentale per club che quest’anno può contare su due squadre italiane ai quarti di finale. Juventus e Roma hanno meritatamente conquistato la qualificazione superando rispettivamente gli inglesi del Tottenham e gli ucraini dello Shakhtar Donetsk, ma l’urna di Nyon non è stata benevola rifilando alle nostre squadre il Real Madrid di Cristiano Ronaldo e il Barcellona di Leo Messi. Strada in salita, dunque, per le squadre italiane in Champions?

La Juventus di Massimiliano Allegri dovrà gestire al meglio le forze tra campionato e coppa, considerando che è in ballottaggio anche lo scudetto nel duello ravvicinato con il Napoli. I bianconeri giocheranno in casa la prima sfida contro il Real Madrid dell’ex Zinedine Zidane, con l’obiettivo di vendicare anche la cocente delusione della passata stagione quando nella finale di Cardiff furono spazzati via per 4-1. Come nel caso della Roma, anche per la Juve il bilancio dei precedenti arride alle squadre spagnole. Quello dell’Allianz Stadium sarà il 57esimo incontro contro formazioni iberiche: 18 vittorie, 16 pareggi e 22 sconfitte.

Con il Real Madrid sono state finora 19 le battaglie e la Juventus ne ha vinte 8 a fronte di 2 pareggi e 9 sconfitte. Detto della finale persa in Galles nel giugno scorso, la Juventus l’aveva spuntata nel precedente confronto a eliminazione diretta: nella semifinale della Champions 2014/2015, infatti, i bianconeri si imposero in casa per 2-1 e respinsero l’assalto delle Merengues al Santiago Bernabeu pareggiando per 1-1. La Juve è imbattuta da 7 gare in questa edizione del torneo, ma il Real Madrid ha vinto le ultime 4 partite. I gol potrebbero non mancare viste le statistiche del Real in Champions: 20 Over 2.5 nelle ultime 21 gare disputate e almeno 2 reti segnate in 17 di queste 21 partite. I bookies, però, non sembrano dello stesso avviso delle statistiche, poiché valutano l’Under 2,5 a quote più popolari dell’Over. Gli stessi siti di scommesse, inoltre, danno leggermente avvantaggiato il Real sulla Vecchia Signora, con una quota che si aggira attorno al 2.65 contro il 2.80 della Juve. E se per una volta i bianconeri sovvertissero quote e calcoli?

Con la mente rivolta sia al campionato, per la caccia al terzo che permetterebbe l’accesso diretto alla prossima Champions, sia alla stessa Champions League di quest’anno, la Roma arriva a questa gara dopo l’impegno di campionato in casa del Bologna. Al Camp Nou non sarà facile reggere l’urto contro la corazzata blaugrana. Per la Roma si tratta della 31esima partita contro una squadra spagnola: fino ad oggi il bilancio è di 10 vittorie, 5 pareggi e 15 sconfitte. In questa edizione del torneo i giallorossi hanno affrontato nella fase a gironi l’Atletico Madrid pareggiando per 0-0 all’Olimpico e perdendo 2-0 al Wanda Metropolitano.

Il bilancio con il Barcellona è in perfetta parità, con una vittoria per parte e 2 pareggi. Le due squadre si sono sempre affrontate in Champions League nella fase a gironi: nella stagione 2001/2002 a Barcellona finì 1-1, mentre a Roma i padroni di casa vinsero per 3-0. Nell’annata 2015/2016, invece, all’Olimpico il risultato fu di 1-1, mentre in Catalogna non ci fu nulla da fare con Messi e compagni che si imposero per 6-1. Dando un’occhiata alle statistiche dell’edizione in corso, un paio di numeri che rendono bene l’idea della difficoltà dell’impegno: il Barcellona è rimasto imbattuto finora e in 6 delle 8 partite disputate non ha preso gol. Per questa partita, d’altronde, i bookmaker non hanno dubbi: i padroni di casa sono favoritissimi, mentre la Roma ha ben poche chance di fare il risultato al Camp Nou.