Obiettivo centrato. L’Albalonga voleva dimezzare le distanze dal Rieti capolista in Serie D
sfruttando la gara interna di ieri e così è stato: secco 2-0 al termine di una partita
bellissima, decisa  nel secondo tempo dalle reti del solito Daniele Nohman (al suo
17esimo sigillo personale) e al guizzo finale di Davide Sabatini.
«È stata una partita molto maschia ed equilibrata e  serviva un episodio per sbloccarla:
per fortuna è capitato a noi» dice Nohman. È lui la  “fortuna” dell’Albalonga,
perfettamente diretta da mister Mariotti nonostante l’assenza  per squalifica di
Corsetti: a inizio ripresa con una bordata terrificante dal limite ha fulminato il portiere
reatino consegnando il prezioso vantaggio ai suoi che poi l’hanno difeso con grinta e
poggiandosi sul solito impermeabile triangolo difensivo composto  da Frasca, Paolacci
e Panini. «Abbiamo tenuto bene dopo il vantaggio e poi chiuso la partita con Sabatini
anche se il Rieti si è confermata la squadra di grande spessore di cui parla la classifica.
Hanno giocatori importanti e saranno protagonisti fino all’ultimo assieme a noi e
all’Sff Atletico». La sua 17esima perla è probabilmente la più pesante e preziosa fin qui…

Le parole di Davide Sabatini

«Sono contento per la squadra – dice con la consueta umiltà l’attaccante – Lavoriamo da
luglio per ottenere queste soddisfazioni e ora ci godiamo il momento, anche se mercoledì
ci sarà un’altra importante gara di Coppa sul campo del Matelica (ottavi di finale in turno
unico, ndr). Una competizione a cui la società tiene tanto, visto che l’anno scorso
l’Albalonga arrivò fino all’ultimo atto». Nohman cancella anche le voci che parlano di
un’Albalonga poco interessata a vincere il campionato per problemi “strutturali” in ottica
Lega Pro. «Né la società, né lo staff, né il gruppo ha mai pensato a queste cose. Ci
piacerebbe tantissimo riuscire a compiere questa impresa anche se ci sarà da lottare coi
denti». Poche anche le affinità con l’ultimo campionato di serie D vinto da Nohman con
la maglia della Lupa Castelli. «Anche lì c’era un gruppo straordinario, ma dalla decima
giornata prendemmo la vetta e non la mollammo più, qui invece siamo partiti un po’ più
in sordina e siamo ancora costretti a rincorrere». Dopo la sfida di Matelica, l’Albalonga
tornerà a tuffarsi nel campionato con la delicata trasferta di Budoni.