Dalla Sampdoria alla Roma, un’altra ex di Vincenzo Montella sulla nostra strada. L’allenatore rossonero, a Milanello, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia dell’attesissima gara di campionato a San Siro.

LA PARTITA CONTRO LA ROMA
Loro hanno perso solo una partita e hanno un attacco super. Vorremmo diventasse uno scontro diretto anche per noi per piazzamenti importanti. L’anno scorso la Roma è arrivata davanti a noi di più di 20 punti, quindi vorremmo che sia gara vera anche pensando ai nostri tifosi. Sono certo che faremo una grande partita. È vero che dobbiamo arrivare in Champions League, ma prima ci serve la mentalità. E la troveremo con la coesione e l’unione di squadra. Purtroppo certe critiche, ingigantite, arrivano anche ai calciatori, io devo tranquillizzarli per farli giocare più liberi e leggeri“.

SVOLTA
Sento aria di svolta definitiva, mi sembra che la squadra si sia sbloccata e stia cercando di allontanare l’ansia. Il terzo gol al Rijeka è importante per la voglia e il sacrificio messo in campo, abbiamo dimostrato orgoglio e coraggio. Se Donnarumma avesse parato il rigore, ci è andato vicino, non avremmo fatto questa esperienza fondamentale per la nostra crescita. Modulo? Andiamo avanti così, questo è l’assetto che ci dà maggiori sicurezze. La linea ormai è delineata, faremo solo piccoli accorgimenti“.

MIRABELLI E BONUCCI
Con Massimiliano c’è un rapporto veramente splendido. C’è davvero una grande sintonia, mi dà il suo supporto senza essere invasivo. Bonucci non sarà mai un problema, sa di dover migliorare. Rimane una risorsa incredibile ed è l’unico in rosa che ha vinto e sa come si vince“.