A Spa Davide Rigon firma la doppietta: pole e vittoria





Dodici mesi dopo Davide Rigon si ripete bissando il risultato dell’anno passato. Lungo i sali-scendi delle Ardenne il talentuoso driver veneto della Ferrari, in coppia col britannico Sam Bird, conquista il successo nella 6 Ore di Spa-Francorchampa, teatro del secondo appuntamento del Campionato del Mondo FIA WEC.

Scattato dalla pole-position grazie ad un miglior crono di 4 decimi rispetto al diretto avversario della Ford scendendo sotto il muro dei 2’15” (2:14.938), Rigon mantiene la Ferrari 488 GTE-Pro numero 71 al comando gestendo al meglio il degrado delle gomme nel primo stint, prima di lasciare la Ferrari al team-mate che ha la meglio sulla vettura americane e sui compagni di squadra, innescando un’emozionate bagarre. Coadiuvati  da un impeccabile lavoro degli ingegneri e dal muretto AF Corse, l’equipaggio numero 71 ha la meglio sulla vettura gemella conquistando la prima vittoria stagione e la prima doppietta.

Con questo successo Davide Rigon si porta al secondo posto nella classifica tra i piloti, a quota 36 punti. La Ferrari passa in testa al campionato Costruttori con 72 punti contro i 65 della Ford

“Pole e vittoria. Più di questo non si poteva pensare. Weekend assolutamente perfetto, completato dalla doppietta in gara. Era il nostro obiettivo e sono veramente felice di averlo raggiunto a pieni voti. E’ stata una gara non facile in cui abbiamo gestito bene il degrado delle gomme. Bella e corretta la bagarre con la 51 e ottimo il lavoro degli ingegneri con la strategia. Tutto ha funzionato al meglio. Ora pensiamo alla 24 Ore di Le Mans” commenta Davide Rigon






Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 5305 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*