Il Napoli di mezzogiorno è mezzo bello

 Il Napoli di mezzogiorno è mezzo bello


Napoli supera anche lo scoglio Empoli, inanella la quinta vittoria esterna consecutiva ( record storico per la società azzurra ), rimane in scia  per la Champions League ma quanta sofferenza! Sarri, a fine gara, tuona contro la Lega per l’orario di gioco per nulla gradito al tecnico e avrà , sicuramente, qualche buona ragione ma le solite amnesie difensive, palesate dalla retroguardia, quella incapacità di saper gestire un ampio margine di vantaggio rappresentano un problema irrisolto di questa squadra che non può essere liquidato con l’anomalo orario di gioco. La partita, nonostante un errore di Mertens dal dischetto dopo appena sette minuti di gioco,  inizia nel migliore dei modi grazie alle solite prodezze del duo Insigne-Mertens: 19’ Lorenzo, in piena area di rigore, insacca di opportunismo raccogliendo una corta respinta di Costa , al 24’ Mertens si fa perdonare l’iniziale errore togliendo dal cilindro una punizione magica e con un tiro di rara bellezza infila la palla all’incrocio dei pali dell’incolpevole Skorupski ed infine al 38’ è sempre Insigne a portare il risultato sul 3-0 trasformando un altro penalty, assegnato dall’arbitro Damato  per un limpido fallo di Pasqual su Callejon. Fin qui tutto perfetto, Napoli brillante ed Empoli annichilito da cotanta superiorità, ma questa squadra, probabilmente ha qualche elemento di masochismo nel suo dna  perché al rientro in campo, dopo l’intervallo, cambia letteralmente pelle, smette di giocare e controllare il gioco, permette ai toscani di accorciare al 70’ su punizione con l’ex El Kaddouri ed, addirittura, di portarsi sul 2-3 su rigore trasformato da Maccarone. Fortuna del Napoli ha voluto che il recupero dell’Empoli sia stato troppo tardivo e che la squadra toscana non occupi ingiustamente le ultime posizioni in classifica: gli ultimi minuti scorrono via senza troppi patemi d’animo e la vittoria finisce in archivio. Napoli bello a metà, quindi, che ripropone i soliti pregi e difetti di un’intera stagione, una squadra dall’attacco atomico, inferiore a nessuno ed una difesa troppo propensa all’errore ed incapace di proteggere quanto prodotto dal reparto offensivo; sta qui il dilemma, l’arcano da risolvere e probabilmente la questione primaria che il duo Giuntoli-De Laurentiis dovranno affrontare  per la prossima stagione: Reina , ormai al capolinea come atleta, sempre più lento e per nulla reattivo (si porta sulla coscienza la prima rete di El Kadduri),  Ghoulam ottimo in fase propulsiva ma mediocre in quella difensiva ed il recupero psico-fisico di Hysaj rappresentano le priorità da risolvere; anche Sarri, però,  dovrà riflettere molto sulla difficoltà della squadra nel gestire al meglio la fase difensiva e nel controllare la  gara e dovrà, volente o nolente, capire se il modulo con solo due centrocampisti a protezione della retroguardia, ottimo e produttivo in fase propulsiva , risulti troppo rischioso, troppo sbilanciato in avanti e, quindi,  inidoneo a dare giusta protezione quando si tratta di dover  respingere gli assalti degli avversari. Questo ha sentenziato, per l’ennesima volta, la gara di Empoli: le ambizioni, i sogni del Napoli dovranno fare, necessariamente, i conti con questi problemi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar

DarioGiuffrida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *