Lucio Pedercini

Lucio Pedercini

Dopo le polemiche che hanno coinvolto il Team Pedercini riguardo la rottura del motore di Federico Sandi causando gli incidenti di Johnny Rea e Leon Camier,  il Team Principal del Team ha rilasciato un comunicato stampa per rispondere a chi ha puntato il dito contro di loro e per chiarire definitivamente la loro posizione a riguardo.
Di seguito il comunicato stampa:

A seguito di articoli e commenti comparsi su alcuni mezzi di comunicazione inerenti il problema meccanico che ha causato la caduta del pilota Federcio Sandi ed il successivo incidente che ha purtroppo visti coinvolti i piloti Leon Camier e Jonathan Rea domenica scorsa all’autodromo del Nurburgring, il team Pedercini con il presente intende fornire delle precisazioni. 
Il nostro pilota Federico Sandi dodici minuti dopo la partenza della prima manche ha fatto rientro al box lamentando un rumore anomalo della sua moto. I nostri tecnici hanno controllato la moto stessa, rilevando un problema all’impianto di scarico che è stato prontamente riparato, tanto che due minuti dopo Sandi ha potuto rientrare in pista. Venti minuti dopo lo stesso pilota, che nel frattempo aveva percorso circa otto giri senza avvertire nessun inconveniente alla propria moto, è caduto a causa della rottura del motore, per fortuna senza riportare problemi fisici. 
Non corrisponde quindi al vero che il nostro pilota sia stato fatto rientrare in pista con problemi al propulsore o a qualsiasi altro componente della sua moto. 
Siamo ovviamente molto dispiaciuti per quanto accaduto a Rea e a Camier, ai quali auguriamo una pronta guarigione, ma respingiamo fermamente le accuse che ci sono state rivolte secondo le quali Sandi sia stato fatto rientrare in pista con problemi al propulsore. 
Il team Pedercini partecipa al campionato mondiale Superbike da tredici anni e si è sempre impegnato con serietà e correttezza, sia in pista che fuori. Respingiamo quindi fermamente le accuse che ci sono state formulate e che riteniamo siano lesive nei confronti della nostra lealtà, oltre che della nostra competenza.
Per quanto riguarda invece le affermazioni – o presunte tali – riportate da un pilota del mondiale Superbike ad una testata giornalistica italiana, secondo le quali il nostro pilota si sarebbe dovuto fermare ai box in occasione del suo pit stop in quanto non in lotta per il titolo mondiale, pensiamo che le stesse si commentino da sole.”

Alessio Cavalli