Pikes Peak, Peugeot 208 e Sebastian Loeb nella storia

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Sebastian Loeb - Pikes Peak 2013
Sebastian Loeb – Pikes Peak 2013

Con un tempo di 8’13’’878 sui 20 chilometri che portano ai 4200 metri della vetta di Pikes Peak, Sébastien Loeb e la 208 T16 Pikes Peak non hanno vinto soltanto la cronoscalata più alta del mondo, ma hanno soprattutto stabilito un record eccezionale dopo avere sfiorato i precipizi a 145 orari di media. Giunto nella zona di partenza sin dalle 7 del mattino per assistere al briefing, Sébastien Loeb si è dovuto armare di pazienza prima di scattare per la sua salita della 91esima Pikes Peak International Hill Climb.
Sébastien Loeb ha dovuto aspettare che gli 83 motociclisti iscritti finissero il loro turno, prima di lanciarsi a sua volta sulle oltre 150 curve del tracciato: «Non avevamo nessuna indicazione precisa riguardo all’ora di partenza e intanto vedevo le nuvole accumularsi sulla vetta. Ero abbastanza preoccupato perché temevo l’arrivo della pioggia». La partenza liberatrice è stata data verso le 11.30. Per fortuna, il campione francese ha potuto affrontare le insidie di questa strada unica in condizioni di aderenza ottimali perché la pioggia, seguita dalla grandine, ha iniziato a cadere qualche minuto dopo il suo l’arrivo.
Alla fine di una salita pressoché perfetta, Sébastien Loeb e la 208 T18 Pikes Peak hanno tagliato il traguardo dopo soli 8’13’’878 dalla partenza. Una prestazione incredibile che permette a Loeb e a Peugeot di battere abbondantemente il record fatto registrare l’anno scorso da Rhys Millen, con il tempo di 9’46’’164. «Pensavo di poter segnare un tempo di 8’20, magari di 8’15, ma questo risultato è decisamente migliore», ha confessato il  nove volte campione del mondo rally subito dopo aver tagliato il traguardo. «Alla partenza ho avvertito una tensione davvero particolare perché questa salita rappresentava il culmine di otto mesi di lavoro per tutta l’equipe Peugeot Sport e per i nostri partner Red Bull, Total e Michelin. Esitavo ad attaccare a fondo o a fare il tempo ma, una volta partito, non ho potuto fare a meno di andare al limite di questa vettura fantastica».

[alpine-phototile-for-flickr src=”set” uid=”90162020@N05″ sid=”72157634437553215″ imgl=”fancybox” dltext=”Flickr” style=”bookshelf” row=”4″ size=”240″ num=”30″ align=”center” max=”100″ nocredit=”1″]

Redazione

Redazione

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick