Benjamin Gautrey

Benjamin Gautrey

GIORNATA DI LUTTO PER IL MOTOCICLISMO
Benjamin Gautrey e Wayne Hamilton ci lasciano nello stesso giorno
Prima nasce la passione, poi la voglia di diventare pilota, poi la certezza che il motociclismo è diventato un mestiere. Benjamin Gautrey, giovane pilota 18enne, ieri, mentre stava effettuando il primo giro a Cadwell Park durante il National Superstock 600, perdeva il controllo della sua Kawasaki finendo a terra, inevitabilmente colpito dai due piloti che lo seguivano, riportando lesioni alla testa e al petto.
Subito soccorso in pista dallo staff medico, per poi essere trasferito al centro medico dove hanno tentato di rianimarlo, purtroppo non c’è stato nulla da fare per lui. Ci lascia così un giovane pilota, una giovane promessa che aveva fatto di una passione lo scopo della sua vita.
Queste le dichiarazioni del direttore del British Superbike Series, Stuart Higgs:” Sono incredibilmente affranto per la morte di Ben a causa delle ferite rimediate in quella caduta, Era giovanissimo, alla sua stagione di debutto a livello nazionale e si era dimostrato davvero promettente, vincendo il campionato Thundersport GB Moto450 l’anno prima. Mi accodo a Ben Wilson che ha dedicato la sua vittoria Supersport a Ben”.
Sono in atto gli accertamenti della causa dell’incidente da parte dell’MCRCB , anche se è stato tutto molto chiaro.
Nello stesso giorno, al Manx Grand Prix, uno dei più promettenti talenti inglesi, Wayne Hamilton, perdeva la vita a seguito di una scivolata durante la gara “junior”.
Hamilton,, originario di Portdown in Irlanda del Nord, aveva vinto nello scorso week end la gara “A” per i newcomers, aprendo le porte alla sua partecipazione al Tourist Trophy del prossimo anno.
Wayne aveva cominciato nel 2009, ma in poco più di due anni aveva dimostrato di essere un campione, vincendo subito nella “junior Support” registrando anche il record sul giro vincendo poi numerose competizioni Road Racing (gare su strada).
C’è chi si domanda il perchè si rischia la vita in questo modo, noi non sappiamo dirlo, come non lo sa nemmeno il pilota, sa solo che l’unica cosa che lo spinge a camminare sul filo del rasoio è la passione ed il cuore per questo strano e pericoloso mezzo a due ruote.

Emanuele Bompadre