Cubeda vince alla grande alla Giarre Montesalice Milo





Domenico Cubeda su Osella FA30 Paco74 ha vinto ieri per la terza volta in carriera la Giarre Monte Salice Milo, giunta alla 20^ edizione, valida per il Trofeo Italiano Velocità Montagna e per il Campionato siciliano di specialità, organizzata dalla Scuderia Giarre Corse, in collaborazione con l’automobile Club Acireale. L’alfiere della Cubeda Corse aveva preceduto sul traguardo Luca Caruso (Elia Avrio) che però è stato escluso di classifica dai Commissari Sportivi. Sale così al secondo posto l’esperto Gianni Cassibba, su Osella PA20 S, nonostante alcune difficoltà nelle prestazioni. Al terzo posto Giuseppe Cuzzola (scuderia Piloti per Passione) su Radical Prosport in configurazione E2SC 16000, seguito da Orazio Maccarrone, primo di Classe E2SS 1600 su Gloria CP7, afflitto da problemi al cambio. Quinto, e primo di CN, Franco Caruso sulla nuova Osella PA21 Evo in assetto non ottimale, davanti al giovane Agostino Bonforte, per la Scuderia Catania Corse su Gloria CP7. Settimo e primo di Classe E2ESC 1600 il portacolori della Catania Corse Matteo D’Urso sulla Radical SR4. Ottavo il rientrante Rocco Aiuto, sulla Radical SR4 della Festina Lente preparata da Autosport Sorrento. Nono e primo di Gruppo E2SS 1400 Rosario Miano, al suo esordio in una salita, sulla nuova Reynard 903 della TM Racing curata da Lo Re. Decimo Angelo Bonforte.

Tra le vetture Turismo, il migliore è Ennio Donato sulla Ford Escort CSW Gruppo E1 Italia oltre 3000 cc della Porto Cervo Racing, capace di precedere gli esperti piloti di casa Giovanni Compagnino su Peugeot 205, primo in E1 Italia Classe 1400, e Salvatore Guzzetta, primo di Gruppo RS Plus con la sua Peugeot 106 della Project team preparata da Ferrara Motors. Tra le agili vetture con motore di derivazione motociclistica, il migliore è Salvatore Giunta, sulla 126 con la caratteristica livrea di Batman. In Gruppo N, in evidenza Salvatore Orlando su Citroen Saxo VTS, che conquista anche la Classe 1600; in Gruppo Produzione Evo primo Matteo Salpietro, su Peugeot 106 Rally di Classe 1400.

Lo spettacolo tra le Bicilindriche ha premiato Antonio Cardillo della scuderia Piloti per Passione sulla 500 di 700cc, davanti a Daniele Portale, alfiere della Cubeda Corse, e al portacolori della Catania Corse Giuseppe Manuli.

Tra le autostoriche miglior interprete del tracciato Ciro Barbaccia su Paganucci BC2000 che vince il 4° Raggruppamento con i colori dell’Aspas; secondo tempo per Salvatore Caristi (Fiat 128 Silhouette 1300) per il Team Phoenix che fa suo il 3° Raggruppamento. terza migliore prestazione per Camillo Centamore sulla Corsini dell’Aspas. Primo in 2° Raggruppamento, sulla BMW 2002 TI, Casimiro Piazza, leader di TC2000; il 5° Raggruppamento va a Aeron” sulla Renault R5 T gruppo N.




Top Ten Classifica Assoluta: 1° Domenico Cubeda Osella FA30 in 6’39.05. 2° Gianni Cassibba su Osella Pa 20S a 25.50. 3° Giuseppe Cuzzola su Radical Prosport a 34.49. 4° Orazio Maccarrone su Formula Gloria Cp7 a 40.03. 5° Franco Caruso su Osella Pa21 Evo a 40.03. 6° Angelo Bonforte su su Formula Gloria a 42.41. 7° Matteo D’Urso su Radical Sr4 a 42.84. 8° Rocco Aiuto su Radical Sr4 a 47.04. 9° Rosario Miano su Reynard 903 a 48.47. 10° Angelo Bonforte.



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4857 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*