Calcio, Villa Adriana, il bilancio del ds Cesari: “Abbastanza soddisfatti della prima parte di annata”


Calcio, Villa Adriana, il bilancio del ds Cesari: "Abbastanza soddisfatti della prima parte di annata"




Il Villa Adriana calcio sta per tuffarsi nella pausa natalizia che, di fatto, interromperà le attività ufficiali fino alla metà di gennaio. Un periodo di sosta che è l’occasione per il direttore sportivo Claudio Cesari di fare il punto della situazione. «Siamo abbastanza soddisfatti della prima parte dell’annata. La Prima categoria di mister Porcari forse poteva avere qualche punticino in più in classifica, ma i risultati sono stati un po’ altalenanti. L’impegno del gruppo e dello staff tecnico, comunque, non è assolutamente mancato e quello va riconosciuto. Abbiamo avuto diversi giocatori assenti per infortuni e squalifiche, un aspetto che ha condizionato indubbiamente il rendimento della squadra. Ci auguriamo che questa sosta possa permetterci di recuperare qualche ragazzo e di poter fare una seconda parte di campionato diversa e più positiva».

Villa Adriana Calcio, il bilancio di Cesari

Il gruppo dell’agonistica che ha il miglior piazzamento in classifica alla pausa è quello della
Juniores provinciale di mister Marricchi. «Un gruppo che è sicuramente la nota positiva
della prima parte di stagione – rimarca Cesari – I ragazzi hanno chiuso il loro cammino nel
2017 con una bella vittoria esterna e con il momentaneo quarto posto. Forse davanti a loro ci
sono delle squadre che hanno qualcosa in più, ma il nostro gruppo ha sicuramente dei
margini di miglioramento importanti e quindi ci auguriamo che la squadra possa continuare
a rendere sui livelli di questa prima parte anche nella seconda metà di stagione».

La chiusura è dedicata ai Giovanissimi provinciali di mister Romanzi. «Il gruppo ha iniziato con un buon piglio il campionato, poi ultimamente ha sofferto un po’ di più. Questa squadra è al primo anno nel mondo dell’agonistica e quindi certe difficoltà sono state ampiamente messe in preventivo. L’obiettivo di questa stagione, per loro, è quello di “farsi le ossa” e capire determinati meccanismi, crescendo come gruppo e dal punto di vista individuale».






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*