Milan, i propositi di Mister Pioli

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
milan

Adesso ci siamo, la Serie A 2022/23 è in partenza. I primi 90 minuti della stagione vedranno i Campioni d’Italia impegnati a San Siro contro l’Udinese, nella gara che inaugurerà il campionato di Serie A dei rossoneri con il Tricolore sul petto. Mister Stefano Pioli ha parlato in conferenza stampa per presentare la sfida, in diretta da Milanello su Milan TV, su YouTube e su Twitch.

SI RICOMINCIA

“Non ci sarà bisogno di mediare tra l’entusiasmo della scorsa stagione e l’emozione per una nuova annata. Vedere San Siro pieno il 13 agosto sarà speciale e dovremo trarre grande energia da questo. Ripartiamo da zero punti, ma con una consapevolezza di ciò che siamo e di quello che è stato il nostro percorso. Se siamo competitivi lo dobbiamo al nostro modo di lavorare: ricominciamo dalla nostra energia, dai nostri atteggiamenti e dalla voglia d’iniziare bene il campionato”.

LA VIGILIA ROSSONERA
“È un Milan forte. Sarà il campo a determinare se saremo meglio dell’anno scorso. Ho rivisto negli occhi dei miei giocatori gli stessi atteggiamenti e lo stesso spirito. Penso che abbiamo ancora margini per crescere e migliorare ogni giorno. Non ci siamo mai preoccupati di quello che si diceva fuori di noi da Milanello, pensiamo solo alla voglia di continuare a crescere ed essere competitivi, per cercare di vincere. Dovremo dimostrarlo già a partire da domani”.
L’AVVERSARIA
“L’Udinese è un avversario molto difficile, ha cambiato allenatore ma non modo di stare in campo. Sono fisici – molto più di noi – e organizzati, insieme alla Juventus sono l’unica squadra che lo scorso anno non siamo riusciti a battere e per questo ci siamo preparati bene. In estate abbiamo lavorato sulle palle inattive, domani affrontiamo una squadra con molti più centimetri di noi e dovremo essere più furbi e scaltri per approfittare di ogni situazione. Sarà importante anche muoversi bene senza palla, in modo compatto”.

I NUOVI

“I nuovi arrivati mi stanno dando delle sensazioni molto positive: Divock, Charles e Yacine sono giocatori con belle caratteristiche e grandi qualità. Origi in particolare sta dimostrando di avere le caratteristiche di un centravanti completo, e credo che ci darà grandi soddisfazioni come Adli e De Ketelaere. Sono molto contento di quello che ci stanno facendo vedere”.

I SINGOLI
“Ante e Oli stanno bene, per domani sono tutti disponibili tranne Tonali, il cui recupero comunque procede in maniera positiva. In questo precampionato mi hanno impressionato Messias, Rebić e Bennacer, che hanno messo insieme prestazioni continue e di livello. Ma ho visto voglia di lavorare e di competere in tutti, per dimostrare di poter essere scelti. Kalulu è stato uno dei giocatori che è cresciuto di più, lavorando con umiltà e serietà. Non ho preoccupazioni particolari sulle sue prestazioni, è un ragazzo con la testa sulle spalle”.

IL TREQUARTISTA
“Se dovesse giocare Brahim sarà perché lo riterrò meglio degli altri per questa partita, perché conosce meglio ciò che chiediamo e perché ha più ritmo degli altri in questo momento della stagione. Nel corso della stagione ci sarà molta competizione nel ruolo. Credo che tutti e tre possano giocare anche in altre posizioni del nostro reparto offensivo e questo per me è importante”.
I RITMI DEL NUOVO ANNO
“Sarà una stagione anomala, con un evento in mezzo come il Mondiale che può creare difficoltà. È un campionato che affronto con curiosità: penso che per chi non andrà in Nazionale avere un periodo di pausa dopo un inizio intenso potrebbe anche essere positivo, mentre per chi andrà al Mondiale – e magari farà strada nella competizione – sarà una stagione più complicata da gestire. Dovremo capire come lavorare sui tempi di recupero”.

LA NUOVA SERIE A

“Le prime sette sono forti, sono cresciute le squadre di metà classifica: sarà un campionato equilibrato e competitivo. Domani ci sarà qualcosa a livello di motivazione. Abbiamo lavorato davvero bene in questi 40 giorni, conosciamo le difficoltà di domani: la prima motivazione è battere un avversario che non siamo riusciti a battere l’anno scorso”.

I PROPOSITI ROSSONERI
“Il Milan dovrà essere uguale, rispetto all’anno scorso, nell’energia e nell’intensità da mettere dentro la partita, tecnicamente e per atteggiamento mentale: dovremo mantenere alta la tensione e l’attenzione lungo tutti i 90 minuti. Mi interessa tanto preparare bene le partite, le prestazioni dei giocatori e della squadra ci porteranno a modificare qualcosa. Nel precampionato abbiamo provato delle situazioni e credo di avere caratteristiche differenti davanti che mi potranno aiutare. Non parlatemi più di titolari: tutti giocheranno, sono tutti giocatori da Milan. Con tante partite nei primi tre mesi avremo bisogno di tutti per partire bene”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick