Tiro con l’arco, Grande Italia al Grand Prix di Plovdiv. Ora il raduno pre World Cup

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Con un gruppo che ha messo insieme senior e junior l’Italia ha concluso l’European Grand Prix di tiro con l’arco di Plovdiv, in Bulgaria, con un ottimo bottino di 7 podi: 4 ori, 2 argenti e 1 bronzo, che sono valsi il secondo posto nel medagliere dietro la Turchia capace di chiudere la competizione con 4 ori, 3 argenti e 2 bronzi. E, se si pensa che il terzo classificato è il Lussemburgo che ha raggranellato tre podi, si capisce quale sia stato il livello delle prestazioni delle prime due nazionali.

A guadagnarsi il titolo da grande protagonista è sicuramente l’atleta delle Fiamme Oro Chiara Rebagliati che, dopo la positività al covid che ne aveva compromesso la convocazione per la prima tappa di World Cup ad Antalya, è tornata dalla Bulgaria con un doppio oro preludio della convocazione per la seconda tappa di coppa che si disputerà a Gwangju, in Corea del Sud, dal 16 al 22 maggio. Un appuntamento dove l’Italia vorrebbe confermare le prestazioni ottenute in Turchia, dove ha guadagnato punti per il ranking mondiale arrivando all’argento col trio olimpico maschile e al quarto posto con quello femminile. Di certo non sarà impresa facile considerando le forze in campo nella prossima trasferta internazionale: i maestri sudcoreani giocheranno in casa e in campo ci sarà anche la Cina, due superpotenze assenti in Turchia.

I PODI ITALIANI AL GRAND PRIX

Fanno comunque ben sperare i risultati arrivati lo scorso fine settimana dal Grand Prix europeo di Plovdiv. L’Italia è arrivata sul gradino più alto del podio con l’atleta delle Fiamme Oro Chiara Rebagliati che, titolare a Tokyo e ai successivi mondiali, in questo avvio di stagione outdoor aveva bisogno di una prestazione di questo livello per guadagnarsi la chiamata per la Corea. L’azzurra si è imposta nell’individuale battendo in finale, dopo lo spareggio, 6-5 (9*-9) la francese Caroline Lopez, ma aveva festeggiato anche il giorno precedente insieme a Vanessa Landi e la junior Roberta Di Francesco con l’oro a squadre ottenuto vincendo la finale sull’Olanda per 6-2.

Un risultato non isolato, visto che anche il terzetto maschile con Massimiliano Mandia, Yuri Belli e Marco Morello ha concluso le sfide del ricurvo a squadre con l’argento, arrivato dopo la finale persa 5-1 con la Turchia. E se nel misto il duo Di Francesco-Belli si è dovuto accontentare del 4° posto, dopo la finale vinta dalla Slovacchia per 5-1, l’Italia ha salutato la trasferta bulgara mettendo in bacheca anche i podi del compound. A Plovdiv i compondisti italiani hanno vinto l’oro femminile con Bazzichetto, Roner e Tonioli vincenti di misura sulla Turchia 232-231, l’oro nel misto con Pagni e Roner (anche loro battono la Turchia 154-152), il bronzo con gli azzurri Pagni, Della Stua e Costantino che hanno vinto la finalina con la Serbia 228-212, mentre lo junior Leonardo Costantino, nell’individuale, ha fatto il suo esordio tra i senior bagnandolo con un ottimo argento dopo la finalissima vinta dal turco Haney 143-141.

I CONVOCATI PER IL RADUNO

Nel complesso parliamo di risultati che fanno ben sperare anche in vista della world cup, anche se non tutti gli interpreti presenti al Grand Prix faranno parte del gruppo che partirà per la Corea del Sud. Il direttore tecnico Giorgio Botto, coadiuvato dai coach Matteo Bisiani e Amedeo Tonelli, dal preparatore atletico Jacopo Cimmarrusti e dallo psicologo Manolo Cattari, ha convocato i seguenti atleti per il raduno che precede la partenza per la Sud Corea: nel ricurvo maschile gli avieri Marco Galiazzo, Federico Musolesi, Mauro Nespoli, Michele Frangilli, Luca Melotto, Marco Morello e David Pasqualucci, quest’ultimo uscito vittorioso dalla Veronica’s Cup, la gara internazionale in Slovenia valida per il world ranking. A far parte del gruppo ci saranno anche Alessandro Paoli (Fiamme Azzurre) e Yuri Belli (Arcieri Aquila Bianca). Il gruppo femminile presente in raduno sarà invece composto solamente dal trio delle Fiamme Oro, che era stato titolare a Tokyo: Chiara Rebagliati, Lucilla Boari e Tatiana Andreoli.
[smiling_video id=”276766″]


[/smiling_video]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick