Bel successo del Milan sull’Udinese 3-2

 Bel successo del Milan sull’Udinese 3-2


Una vittoria sofferta, bellissima, meritata e ottenuta all’ultimo istante possibile. Il protagonista nel mezzogiorno di San Siro è Ante Rebić, autore del gol dell’1-1 e del 3-2 finale al 93′. In mezzo l’ormai solita perla di Theo Hernández per il provvisorio 2-1. Dalla polvere all’altare, il croato si riscatta dopo una prima parte di stagione complicata con una prestazione meravigliosa e le sue prime due marcature in rossonero. Una Udinese coriacea e sempre pericolosa si arrende solo nel recupero, dopo essere passata in vantaggio con Stryger Larsen al 6′ e aver quasi strappato un punto con il pari di Lasagna all’85. Ma non aveva fatto bene i conti con Ante Rebić, che regala al Milan una vittoria che a San Siro in campionato mancava dal 31 ottobre. Un pomeriggio dalle mille emozioni, che apre nel modo migliore il girone di ritorno della formazione di Mister Pioli, che sale a 28 punti in classifica dopo il secondo successo consecutivo in Serie A, terzo in poco più di una settimana se si considera anche la Coppa Italia. Ora l’imperativo è sfuttare l’onda buona di questo mese di gennaio anche venerdì 24 alle 20.45 nell’anticipo serale del Rigamonti di Brescia.

LA CRONACA

Doccia fredda immediata per il Milan: dopo sei minuti di gioco un’uscita incerta di Donnarumma apre la strada a Stryger Larsen, che da posizione defilata segna il vantaggio ospite. Al 16′ Lasagna va vicinio al raddoppio con un sinistro in corsa da centro area. Al 24′ proteste rossonere per un tocco di braccio in area di Ekong, ma è solo corner: sulla battuta, Romagnoli di testa sfiora il pareggio. Nel finale di prima frazione, Leão calcia a botta sicura ma viene murato da Nuytinck. Donnarumma si riscatta a inizio ripresa salvando sul sinistro potete di Lasagna, poi il Milan pareggia. Conti vola a destra, mette in mezzo una palla perfetta per Rebić che segna l’1-1 con il suo primo gol in rossonero. La pressione della formazione di Pioli è altissima e Ibrahimović crea scompiglio nell’area di rigore dei friulani, che però sono pericolosissimi in ripartenza: Donnarumma è strepitoso in due occasioni ravvicinate, prima su Mandragora e poi su Okaka. Al 65′ Castillejo se ne va con una magia a destra e sulla conclusione di Leão Musso respinge come può. Ma è Theo a trovare il vantaggio al 71′ con un sinistro al volo meraviglioso. Lasagna pareggia a sorpresa di testa all’85’ ma è di nuovo Rebić, in pieno recupero, a vincerla con un sinistro chirurgico alle spalle di Musso per l’apoteosi rossonera.

IL TABELLINO

MILAN-UDINESE 3-2

MILAN (4-4-2): Donnarumma G.; Conti, Kjær, Romagnoli, Hernández; Castillejo (32’st Krunić), Kessie, Bennacer, Bonaventura (1’st Rebić); Leão, Ibrahimović. A disp.: Begović, Donnarumma A.; Gabbia; Paquetá; Piątek, Suso. All.: Pioli

UDINESE (3-5-2): Musso; Becao, Ekong, Nuytinck (33’st Nestorovski); Stryger Larsen, Fofana, Mandragora, De Paul, Sema (43’st Ter Avest); Okaka (47’st De Maio), Lasagna. A disp.: Nicolas, Perisan; Opoku, Jajalo, Walace, Barak, Teodorczyk. All.: Gotti

Arbitro: Pairetto di Nichelino
Gol: 6′ Stryger Larsen (U), 3’st Rebić (M), 26’st Hernández (M), 40’st Lasagna (U), 48’st Rebić (M).
Ammoniti: 27′ Sema (U), 40′ Bennacer (M), 8’st Pioli (M), 17’st Conti (M), 35’st Ibrahimović (M), 49′ st Castillejo (M).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *