Nuova performance di soddisfazione all’estero, per  Movisport, nello specifico nel Campionato del Mondo Rally, dove i colori sono difesi dal pilota ufficiale di ACI Team Italia Fabio Andolfi, finito terzo nella categoria WRC-2.

Tornato dopo la sfortunata parentesi in Germania per proseguire la sua “campagna” mondiale, con la Skoda Fabia fornita da Motorsport Italia, il savonese ha trovato dunque la via del riscatto pieno al rally di Turchia, dove era affiancato da Emanuele Inglesi in luogo di Simone Scattolin, ancora convalescente dall’incidente e dal successivo intervento chirurgico.

Una gara concreta, quella di Andolfi, che nella tappa finale dopo aver accusato un foratura lenta nel primo crono, ha poi amministrato la sua corsa che ha chiuso alle spalle delle altre due Skoda del nuovo leader del mondiale Wrc 2 Kajetanowicz e di Bulacia.

“Sono contento del mio terzo posto finale – ha commentato Andolfi all’arrivo – perché questa è stata davvero una gara dura, difficile e complicata in cui si poteva rovinare tutto con una foratura di troppo. Un’esperienza importante e fruttifera, c’erano davvero tante pietre da schivare sulla strada, mai vista sinora una roba simile. Adesso prepariamoci per la prossima battaglia in Galles in programma ad inizio ottobre”.

Grandi manovre e soddisfazioni a go-go al 40° Rally Città di Modena, dove erano attese grandi performance da diversi, i quali non hanno tradito le attese. Si inizia intanto con la vittoria nella Coppa riservata alle Scuderie, grazie alle performance fornite da Tosi-Baccega-Milioli e si prosegue con il miglior risultato assoluto conseguito, quello dei “soliti” Andrea Tonelli e Roberto Debbi sulla loro Ford Escort RS, eccezionali secondi assoluti nella gara “historic”, avendo messo in scacco diverse vetture di categoria superiore e certamente più potenti. Una gara notevole, che ha confermato lo status di vertice dell’equipaggio, che in gara è stato eletto anche tra i più spettacolari.

Tosi-Del Barba sulla Skoda Fabia R5, in allenamento per l’ultima prova IRCup di Bassano a fine mese hanno finito d’un soffio – un solo secondo – fuori dal podio, in quarta posizione, conferma della forza del duo reggiano. Davide Gatti con Stefano Costi su una Mitsubishi Lancer R4 hanno pure loro trovato soddisfazione con la vittoria di classe e la dodicesima posizione assoluta, risultato di grande effetto, considerando che il driver non corre oramai con la solita assiduità di un tempo.

Baccega-Maini, con una Ford Fiesta R5, hanno finito noni assoluti con una prestazione in crescendo, Manuel Milioli- Silvia Maletti sulla Fabia R5 anche loro li seguono in decima posizione finale, poi Giuseppe Gazzetti-Alberto Bentivogli sulla Peugeot 208 R2 hanno invece centrato la quinta posizione di classe.

Marco Ferrari- Franco Ciambellini su Fiesta R5, equipaggio OVER 55, hanno firmato la 14^ posizione sotto la bandiera a scacchi, Mauro Ibatici-Manuel Rinaldi (Renault Clio Williams) hanno fatto il settimo di classe A7, Stefano Ferrarini-   Cristian Baroni (Renault Clio RS) sono andati a podio in classe N3 con il “bronzo”, Marco Arati- Davide Fontana (Peugeot 208 R2B) hanno invece sfiorato l’attico della classifica di classe con il quarto posto e Diego Cianfriglia- Tania Bernardi su una Fiat 600 Sporting hanno finito ben terzi di classe A0. Sfortunati invece Nicola Grisanti- Dario Prete (Renault Clio RS), ritirati durante la terza prova per incidente.

L’impegno tricolore, al 39° Rally San Martino di Castrozza, atto finale del Campionato Italiano WRC, in provincia di Trento, ha visto Giuliano Giovani-Giuseppe Aldini sulla loro Renault Clio R3 di nuovo protagonisti. Hanno finito l’impegno dolomitico in terza posizione di classe, il che gli ha assicurato la seconda posizione finale di campionato in categoria R3, a sei punti dal vincitore, coronamento di una stagione sempre di alto livello.

Confortati da una vittoria “femminile”, dal secondo di R2 e dal miglior tempo di classe siglato in tre prove al recente Rally della Lanterna, Sara Micheletti e Alberto Belfiore sulla Peugeot 208 R2B ci hanno riprovato lo scorso fine settimana alla 63^ Coppa Valtellina, finita con un notevole quinto posto di classe R2.

Presenza poi tutta “in rosa” al Rally della Stampa, la celebre gara di regolarità riservata ai giornalisti, con la partecipazione di grandi nomi di chi lavora “con la penna”. Per Movisport, nel tracciato che da Reggio Emilia ha portato a Bellaria, sulla riviera romagnola, c’erano Katia Fii ed Elisa Marchi, andate a podio, con la seconda posizione nella classifica femminile.