Sabato alle 18 il Napoli scende in campo al San Paolo contro la Sampdoria.

E’ la prima sfida in casa, di questa nuova stagione per gli azzurri.

La decisione di giocare le prime due gare fuori casa, proprio per permettere di terminare i lavori dello stadio.

Così però non è. Almeno secondo quanto dichiarato in un comunicato ufficiale sul sito della SSCNapoli dell’allenatore, Carlo Ancelotti, che non risparmia toni duri.

<<Comunicato di Carlo Ancelotti: “Ho visto le condizioni degli spogliatoi del San Paolo. Non ci sono parole. Io ho accettato la richiesta della società di giocare fuori casa le prime due partite per consentire che i lavori si ultimassero, come era stato promesso. In due mesi si può costruire una casa, non sono stati in grado di rifare gli spogliatoi! Dove dovremmo cambiarci per giocare contro Sampdoria e Liverpool? Sono indignato per la scorrettezza e l’inadeguatezza di chi doveva eseguire questi lavori. Come hanno potuto Regione, Comune e Commissari disattendere gli impegni presi ? Vedo un disprezzo e un non attaccamento alla squadra della città. Sono costernato”. >>

Pronta la risposta dell’assessore allo sport del Comune di Napoli, Ciro Borriello, al sito gonfialaretecom, che parla di lavori sostanzialmente terminati, con soltanto di qualche miglioria da apportare, e garantisce il pieno utilizzo degli spogliatoi per la partita di sabato.

Premetto che l’impegno è della Regione. Però ho fatto anche il sopralluogo e ho visto che, a parte qualche porta da registrare e qualche mensola da montare, il resto è tutto a posto. Sabato il Napoli si spoglierà regolarmente nel suo spogliatoio rifatto”.