Le basi per la bella impresa Aleix Espargaró le aveva poste ieri quando, in perfette condizioni di asciutto, era entrato in top ten garantendosi l’accesso diretto alla Q2, la seconda qualifica valida per la parte alta dello schieramento. Oggi, in condizioni completamente diverse e molto complicate da interpretare, con una pioggia leggera che ha lasciato tutti nel dubbio sulle gomme da utilizzare, si è ripetuto conquistando il nono tempo che gli vale la terza fila in partenza. Entrato in pista con le coperture da bagnato Aleix ha realizzato il suo giro buono al secondo degli otto giri compiuti, prima che la pioggia aumentasse. Per Aprilia si tratta di una delle migliori qualifiche in MotoGP, a conferma della crescita della RS-GP in questo primo scorcio di stagione.

Andrea Iannone non è riuscito a passare lo scoglio della qualifica Q1. Ancora alla prese con una condizione fisica difficile, anche a causa del dolore persistente alla caviglia sinistra, conseguenza della caduta a Jerez, Andrea ha lottato tentando anche l’azzardo della gomma slick quando è sembrato che la pista concedesse una finestra di migliore condizione. A rendere ancora più difficile la giornata era la prima volta che Andrea guidava l’Aprilia sul bagnato. L’azzardo non ha pagato – succede – e Andrea deve accontentarsi della 22esima posizione.

ALEIX ESPARGARO’

“Le condizioni di oggi erano estremamente complicate, sembrava di correre sul ghiaccio: quando piove poco c’è meno grip rispetto al bagnato pesante, in più avevamo solo 15 gradi sull’asfalto. La terza fila non è affatto male, sicuramente renderà la mia vita più facile in gara. Con pista asciutta sono piuttosto sicuro di poter lottare ancora per la top-10, mentre sul bagnato non ho il miglior feeling. In qualifica ho avvertito poco supporto in accelerazione da parte della gomma posteriore, nel giro veloce mi sono preso qualche rischio ma sarebbe difficile farlo per tutta la gara”.

ANDREA IANNONE

“Trovarsi ad affrontare per la prima volta con una nuova moto delle condizioni come quelle di oggi non è certo facile. Nelle Q1 molti piloti sono partiti con le slick, riuscendo a fare il giro buono nei pochi minuti di pista asciutta, mentre quando sono uscito io ha iniziato a piovere di nuovo. Il mio tempo con le gomme da bagnato non è stato male, in Q2 mi sarei trovato in settima posizione, purtroppo le cose sono andate diversamente. Oggi oltre al dolore alla caviglia ho avuto anche qualche problema allo stomaco ma non molliamo, continueremo a dare sempre il massimo”.