Nissan inaugura le cinque tappe europee della Formula E ABB FIA con la tappa di Roma, dove sia Sébastien Buemi sia Oliver Rowland hanno conquistato punti.

Il pilota svizzero Buemi ha tagliato la linea del traguardo in quinta posizione, seguito da Rowland in sesta posizione: un risultato che ha permesso a Nissan di posizionarsi con entrambi i piloti nella zona punti per la seconda tappa consecutiva. Nissan e.dams è anche uno dei due team ad aver concluso la gara con entrambe le vetture nella top ten.

Per Nissan, la Formula E è la piattaforma ideale per mostrare la potenza e le prestazioni delle tecnologie dei veicoli elettrici, parte della visione Nissan Intelligent Mobility. In occasione dell’e-Prix di Roma, Nissan Italia ha interagito con i tifosi lanciando un’iniziativa inedita targata Nissan Formula E: un’esperienza sul simulatore all’interno dell’e-village.

Nella quinta stagione di Formula E Nissan rimane l’unico costruttore ad aver messo a segno due pole position e appartiene a un ristretto gruppo di scuderie (solo quattro nella storia del campionato) che vantano la conquista di una pole position da parte di entrambi i piloti nel corso di una singola stagione.

Per quanto riguarda Rowland, il tentativo di conquistare la seconda pole stagionale è stato compromesso da un urto contro il cordolo durante le qualificazioni. Il danno ha rallentato la sua corsa, obbligandolo a iniziare la gara in decima posizione sulla griglia di partenza.

Buemi è riuscito ancora una volta ad arrivare in Super Pole, ma è stato penalizzato da un breve scroscio di pioggia in concomitanza con la sua prestazione. Tutti gli altri contendenti della Super Pole si sono misurati con un tracciato asciutto, registrando tempi migliori.

Durante la gara entrambi i piloti del team Nissan e.dams sono partiti con il piede giusto: Buemi è scattato dal sesto al quarto posto, Rowland dal decimo al sesto. Tuttavia subito dopo il giro iniziale, la bandiera rossa ha ritardato la rimonta.

Una volta riiniziata la gara, entrambi i piloti di Nissan hanno ripreso un buon ritmo, pur non riuscendo a superare gli avversari. Per la terza volta in questa stagione, sia Buemi sia Rowland hanno concluso la gara in zona punti.

Il campionato è aperto: in questa quinta stagione di Formula E, ogni gara è stata vinta da piloti diversi appartenenti a team diversi.

Michael Carcamo, Global Motorsport Director Nissan, ha dichiarato: “Oggi abbiamo portato a casa molti punti e dobbiamo continuare a impegnarci al massimo per migliorare il nostro ritmo in gara. Siamo stati un po’ sfortunati nelle qualificazioni e probabilmente è stato proprio questo fattore a estrometterci dal podio”.

“Ora il nostro obiettivo è portare avanti questa sequenza positiva e concludere la gara di Parigi con una bella vittoria”.

Dopo la tappa parigina, fissata per il 27 aprile, ci saranno le gare di Monte Carlo (Monaco), Berlino (Germania) e Berna (Svizzera), per poi arrivare negli Stati Uniti con il doppio appuntamento di New York, che concluderà il campionato.

Jean-Paul Driot, direttore del team Nissan e.dams, ha commentato: “Sapevamo di andare incontro a un campionato molto competitivo con le nuove vetture “Gen2”, ma questa stagione è ancora più incredibile del previsto”.

“Stiamo dimostrando di avere il ritmo giusto per vincere, ora non ci resta che completare l’opera. Sia Sébastien sia Oliver hanno svolto una gara molto pulita a Roma, mantenendo la concentrazione. In vista della tappa di Parigi puntiamo a farli partire in pole position, perché da lì potranno giocarsela davvero per il primo posto”.

DICHIARAZIONI DEI PILOTI

SÉBASTIEN BUEMI

“Speravamo in qualcosa di più, ma tutto sommato il quinto e sesto posto non sono male in termini di punteggio. Purtroppo per diversi motivi non siamo stati competitivi come nell’ultima gara in Cina.”

“Guardando il lato positivo, sono riuscito ad accedere di nuovo alla Super Pole e ho chiuso comunque al quinto posto: poteva andare molto peggio. La pioggia mi ha penalizzato nella Super Pole, ma i colpi di sfortuna fanno parte del gioco.”

“Sarebbe bello se a Parigi diventassi l’ottavo vincitore, unendomi ai sette piloti che finora hanno concluso la gara in testa, ma è meglio non fantasticare: devo solo concentrarmi e fare bene il mio lavoro. Siamo pronti, dobbiamo solo continuare a combattere.”

“Penso che la nostra auto renderà meglio a Parigi. Il tracciato di Roma ha molte curve ad alta velocità, mentre quello di Parigi è corto e stretto, per certi versi ricorda quello di Sanya”.

OLIVER ROWLAND

“Sono stato il più veloce nella prima sessione di prove libere e quarto nella seconda, perciò il risultato ottenuto nelle qualificazioni è stato un po’ deludente. Uscendo dalla seconda curva ho preso il cordolo, danneggiando la vettura. Fortunatamente sono riuscito ad andare avanti ancora per un giro, conquistando la decima posizione sulla griglia di partenza”.

“Sono partito bene e nel giro di poco tempo ho raggiunto la sesta posizione. Non avevo molta pressione da dietro ed è stata una fortuna, perché mi sono risparmiato un bel po’ di pressione”.

“Durante la gara sono riuscito a fare un po’ di prove e lavorare sulla gestione dell’energia, cosa che mi ha permesso di conservare la massima potenza possibile per l’arrivo”.

“Non vedo l’ora di gareggiare a Parigi. Ho già affrontato il tracciato un paio di anni fa, quando correvo con la DAMS. Ora non mi resta che tornare a bordo del simulatore e allenarmi il più possibile per poi sfoderare tutte le mie armi durante l’ottava tappa”.