Calcio, Ss Torre Angela Acds, il dg Ciani: “Diverse nostre squadre possono provare a vincere”

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Con l’occasione della sosta forzata per i noti motivi, in casa Torre Angela Acds Calcio è tempo di
fare un primo mini-bilancio della stagione e ovviamente tocca al direttore generale Fabrizio
Ciani fare una panoramica.

La panoramica di Ciani

«Iniziando dai grandi, la Prima categoria è reduce dalla prima sconfitta in campionato ottenuta
in maniera immeritata sul campo della capolista Pro Marcellina dopo una gara quasi sempre
condotta. Abbiamo visto diverse squadre e sono convinto sempre di più che questo gruppo se
la possa giocare con tutte e fare una stagione da vertice. Nell’ultimo periodo ci hanno lasciato
Del Vecchio per motivi personali e Mariotti per una sua scelta e poi ci sono state le dimissioni
del direttore sportivo Davide Miscoli con cui non c’era più identità di vedute. Ma il gruppo di
mister Rubenni rimane molto competitivo e ci auguriamo possa dimostrarlo sul campo».

Capitolo settore giovanile: anche in questo caso Ciani esprime fiducia. «Le due Juniores, quella
provinciale di mister Formisano e la regionale C di mister Polletta, giocano un ottimo calcio e
possono ambire alle prime posizioni. L’Under 17 provinciale di Dolci è già seconda e sarà
sicuramente protagonista, mentre l’Under 16 provinciale di Filippis sta pian piano carburando e sono convinto che potrà fare un buon campionato, anche se non proprio nelle primissime posizioni.

Infine abbiamo i due gruppi “ex Giovanissimi”: l’Under 15 provinciale di mister D’Auria ha un potenziale notevolissimo e ci puntiamo molto, ma il gruppo deve seguire attentamente le direttive del tecnico per arrivare lontano. Infine l’Under 14 provinciale di mister Nobili ha iniziato il campionato con tanto timore, ma finora è riuscita a vincere una partita e a giocarsela con dignità in quasi tutti gli incontri pur avendo un organico numericamente limitato e integrato con alcuni 2006».

Ciani, da dirigente navigato, conclude con una riflessione sull’episodio dell’aggressione all’arbitro Riccardo Bernardini che ha provocato il blocco di tutti i campionati domenica scorsa. «È stata una giornata di riflessione: l’episodio è stato l’apice di una serie di accadimenti simili. Gli arbitri sono questi, fanno parte del gioco e bisogna capire che una volta finita la partita tutto deve rientrare.

A mio parere la domenica di stop può essere anche servita come monito per far capire l’importanza del ruolo degli arbitri, ma si devono mettere in campo delle idee per migliorare il livello tecnico dei fischietti. Io proporrei all’Aia di reclutare ragazzi che smettono di giocare perché solo chi ha giocato può cogliere determinate sfumature durante l’arbitraggio di una partita. In tal senso mi conforta l’esempio recentissimo di un nostro ex giocatore delle giovanili che ha intrapreso la carriera da arbitro e la sta portando avanti in maniera estremamente positiva dimostrando tutte le sue qualità».

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick