Gioca Volley S3 in Sicurezza: tutto pronto per il gran finale a Udine

 Gioca Volley S3 in Sicurezza: tutto pronto per il gran finale a Udine


È tempo di legalità, divertimento e pallavolo. È tempo dell’ultima tappa del Gioca Volley S3 in Sicurezza 2018. È tempo della grande festa finale di Udine dove si concluderà l’entusiasmante tour di volley e sicurezza ferroviaria organizzato da Ansf, Polfer e Fipav. Dopo Prato, Brescia, Cagliari, Torino e Genova con oltre 12mila bambini coinvolti, sarà il capoluogo friulano a fare da cornice ad un nuovo indimenticabile evento all’insegna dello “spike it”.
Appuntamento fissato per martedì 27 novembre quando al PalaBernes di Udine, dalle 9 del mattino sino a tardo pomeriggio, migliaia di bambini provenienti da scuole e associazioni di tutto il territorio, daranno vita all’ultimo Gioca Volley S3 in Sicurezza dell’anno. Al divertente e prezioso supporto degli operatori di Ansf e Polfer che accoglieranno nei loro stand i giovanissimi partecipanti sensibilizzandoli circa il tema della sicurezza ferroviaria, farà seguito il momento ludico in campo che vedrà l’instancabile campionissimo e testimonial del Volley S3 Andrea “Lucky” Lucchetta, ed il due volte campione del mondo, Samuele Papi, mattatori assoluti della giornata. “Sarà una grande festa – ha dichiarato il presidente della Fipav, Pietro Bruno Cattaneo – festeggeremo ad Udine la conclusione di Gioca Volley S3 in Sicurezza, un circuito che ha coinvolto nel corso delle prime cinque t appe oltre 12mila bambini che oltre a divertirsi con il Volley S3 sono stati sensibilizzati circa il tema della sicurezza ferroviaria. Un grande successo sotto tutti i punti di vista che anche ad Udine sarà caratterizzato dal solito entusiasmo”.
Divertimento e sicurezza ferroviaria, un binomio perfetto esaltato nel corso di un tour che ha estremamente soddisfatto i vertici di Ansf e Polfer: “Questa edizione di Gioca Volley S3 in Sicurezza è stata molto significativa per diffondere il messaggio di rispetto delle regole e responsabilità sui binari – ha dichiarato Alessandro Laschi, Responsabile Relazioni Esterne dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie –. Ringrazio la Fipav e la Polfer per il grande supporto che ci stanno dando da anni nell’obiettivo comune di educare le nuove generazioni alla sicurezza e alla legalità. Vorrei ricordare che anche nel 2017 la quota preponderante degli incidenti è dovuta principalmente a comportamenti individuali impropri sui quali è necessario incrementare la consapevolezza degli utenti. Tale fenomeno riguarda il 73% degli incidenti significativi e l’85% delle vittime (49 morti e 29 feriti gravi)”.
“Lo sport è uno dei più efficaci veicoli di diffusione della cultura della legalità, soprattutto tra i giovani – ha dichiarato Annarita Santantonio, Dirigente del Compartimento Polfer per il Friuli Venezia Giulia – il rispetto delle regole, nello sport come nella vita, è elemento fondante nella formazione e nella crescita consapevole dei nostri ragazzi. La sicurezza ferroviaria ormai da anni è entrata a far parte di un percorso didattico nelle scuole di primo e secondo grado, che gli operatori della Polizia Ferroviaria portano avanti incontrando i giovani e confrontandosi con loro su questi temi. L’iniziativa in programma il 27 prossimo a Udine vedrà impegnati insieme come di consueto ANSF, FIPAV e POLFER e declinerà, fuori dai banchi e su un vero campo di volley, i concetti della legalità e del corretto uso del mezzo ferroviario, in una bella giornata di divertiment o educativo”.
L’evento organizzato e realizzato grazie al prezioso supporto di Fipav Friuli Venezia Giulia e Fipav Udine, sarà ufficialmente presentato a stampa e istituzioni, al Salone del Popolo del Comune di Udine lunedì 26 novembre alle ore 12 nel corso di una conferenza stampa che darà il via alla due giorni di sicurezza ferroviaria e volley S3 nel capoluogo friulano.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *