Vela, Margaret e Ojalà II vincono la prima edizione di “Le Vele d’Epoca nel Golfo”

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Il 10 giugno 2018 le imbarcazioni a vela Ojalà II e Margaret si sono aggiudicate la vittoria
rispettivamente nelle categorie Yachts Classici e Yachts d’Epoca in occasione della prima
edizione di “Le Vele d’Epoca nel Golfo”, evento organizzato dall’AIVE e sponsorizzato per
la prima volta dalla manifattura dell’alta orologeria francese Michel Herbelin – Chronos
Diffusion. La flotta era composta da imbarcazioni costruite tra i primi del Novecento e
gli anni Ottanta. Il raggruppamento Storiche ha partecipato a una veleggiata svolta in
parallelo alla regata. Due le regate disputate. Grande successo per la visita guidata ai
restauri in corso del cantiere Valdettaro e al Faro dell’Isola del Tino.

I vincitori di “Le Vele d’epoca nel Golfo 2018”

Margaret tra gli Yachts d’Epoca e Ojalà II tra gli Yachts Classici. Sono queste le barche a vela
che il 10 giugno alle Grazie, nel Golfo della Spezia, si sono aggiudicate la vittoria nella propria
categoria in occasione della prima edizione di “Le Vele d’Epoca nel Golfo”, regate dedicate alle
imbarcazioni d’epoca e classiche organizzate dall’AIVE, Associazione Italiana Vele d’Epoca, in
sinergia con il Circolo Velico della Spezia, il supporto dell’Associazione Vele Storiche
Viareggio
e la sponsorizzazione del brand Michel Herbelin – Chronos Diffusion,
prestigiosa manifattura dell’alta orologeria francese. Margaret è un 8 Metri S.I. (Stazza
Internazionale) lungo oltre 14 metri, varato in Norvegia nel 1925 su progetto di Johan Anker.

Ojalà II, che ha preceduto in classifica i Sangermani Alcyone del 1952 e Chaplin del 1974
della Marina Militare, è uno sloop bermudiano costruito in alluminio nel 1973 dal cantiere
olandese Royal Huisman su piani di Sparkman & Stephens. Alle Grazie è stato condotto in
regata da Davide Besana e dal velaio delle barche d’epoca Guido Cavalazzi. Entrambe si sono
aggiudicate un cronografo della collezione Newport Sport Chic messo in palio dallo sponsor
Michel Herbelin – Chronos Diffusion (www.michel-herbelin.com/web e
www.chronosdiffusion.eu). Alcor del 1964, un modello Cap Nord del cantiere francese Jean
Boudignion, si è imposta su Melisande del 1928 e sul ketch Half Moon del 1982 nel corso
della veleggiata svoltasi in parallelo alla regata.

Half Moon, in evidenza nella prima delle due veleggiate, non ha purtroppo potuto partecipare
alla seconda. Le prove delle regate si sono svolte lungo percorsi a triangolo di circa 8 miglia,
con venti di intensità variabile tra 6 e 10 nodi provenienti dai quadranti occidentali.
Le premesse ci sono tutte affinché l’appuntamento si ripeta ogni anno. Il Golfo dei Poeti
riparato dai venti consente infatti di organizzare belle regate con ogni tempo e il borgo ligure
delle Grazie è stato più volte paragonato a una baia caraibica.

Alla scoperta dei restauri di barche d’epoca

Nella giornata di sabato 9 giugno, al termine della prima regata, gli equipaggi si sono ritrovati
in banchina per un aperitivo, seguito da una visita guidata ai restauri delle vele d’epoca affidati
al Cantiere Valdettaro. Qui è stato possibile ammirare il refitting di Vera Mary, la goletta
aurica lunga 22 metri varata nel 1932 presso il cantiere inglese Berthon Boat Company di
Lymington su progetto di J.M. Soper. Nel 1935 Vera Mary fu acquistata da Re Giorgio V
d’Inghilterra
per donarla all’amico Sir Philip Hunloke, suo istruttore di vela nonché
skipper dello yacht reale Britannia e Commodoro del Royal Yacht Squadron.

Dopo un aperitivo in banchina, alle 21.30 si è svolta “Sentinelle dell’infinito”, mostra e video
sul faro dell’isola del Tino a cura del Cantiere della Memoria e “Rimirandoci nel Golfo”,
proiezione delle foto di Tiziana Pieri e Roberto Celi della prima giornata di regate.

La visita al faro dell’Isola del Tino

Domenica 10 giugno, prima della seconda regata, gli yachts hanno sostato alla fonda davanti
all’Isola del Tino, custodita dalla Marina Militare. Qui gli equipaggi sono stati trasferiti
sull’isola per un’esclusiva visita al Museo e al Faro di S. Venerio (patrono dei faristi), posto
a 117 metri sul livello del mare e tuttora attivo. L’isola, estesa su una superficie di circa 13
ettari, è patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Il suo fascio di luce si estende fino a 22 miglia. Una galleria all’interno dell’isola è stata anche
impiegata in passato per girare alcune scene del film “I cannoni di Navarone”. In segno di
ringraziamento il presidente AIVE Pier Maria Giusteschi Conti, il Segretario Generale
Roberta Talamoni e il Commodoro Giorgio Balestrero hanno consegnato in dono al
Capitano di Fregata Stefano Gigli, comandante di Marifari, un fanale di testa d’albero su
basamento in legno.

Oggi è possibile visitare l’Isola del Tino una volta al mese grazie anche ai volontari
dell’Associazione Culturale Il Mondo dei Fari. Nel frattempo, presso il Cantiere della
Memoria fondato da Corrado Ricci, continua per tutta l’estate la mostra sulla storia
del faro del Tino.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick