A San Siro, nel post-match valido per l’andata della semifinale di TIM Cup, terminato 0-0, Rino Gattuso è stato intervistato da Milan TV. Queste tutte le sue dichiarazioni:

SULLA PARTITA
“Si cerca sempre di non subire gol. Sono contento, perché oggi sapevamo che dovevamo far fatica. Nel primo tempo abbiamo giocato al di sotto delle nostre possibilità, poco movimento e possesso, ma nella ripresa siamo entrati in campo belli tonici, abbiamo cominciato a palleggiare molto meglio. Nel finale abbiamo cercato di più la verticalizzazione sugli attaccanti”.

FOCUS SUI TERZINI
“Oggi potevamo perderla, ma anche vincerla. L’occasione l’abbiamo avuta, Calhanoglu era molto dispiaciuto, ma l’importante è essere compatti come squadra. Abate e Borini? Sono stati bravi, la velocità di Ignazio ce l’hanno in pochi e Fabio nasce attaccante ma può fare anche il terzino. Oggi abbiamo giocato di reparto, abbiamo scalato bene, non ci siamo fatti sorprendere: merito dei terzini e di come gioca tutta la squadra, specialmente la linea difensiva”.

IL RITORNO E L’UDINESE
“La qualificazione è aperta. Ogni partita è una storia a sé, speriamo di arrivarci nel modo migliore possibile. C’è ancora tantissimo tempo. Mi godo questo secondo tempo e poi ci penseremo. In questo momento la mia testa è già a Udine, a livello fisico sarà molto difficile affrontare l’Udinese. Spero che la squadra recuperi al meglio. Nel primo tempo si è notata un po’ di stanchezza, nel secondo meno”.