Il derby di Roma premia la Lazio e la sua capacità di assorbire la sfortuna (indisponibilità di Immobile durante il riscaldamento) e la decisione arbitrale errata sul rigore concesso ai giallorossi. La Roma invece parte forte, tiene a lungo il possesso palla, ma alla distanza subisce le ripartenze micidiali della squadra di Inzaghi. E’ infatti la formazione di Spalletti a rendersi subito pericolosa, con due nitide occasioni capitate a Dzeko e Salah sventate da ottimi interventi di Strakosha. Poi piano piano la Lazio inizia a pungere, e su una ripartenza di Keita al 12′ passa in vantaggio. La rete spaventa la Roma, che perde sicurezza nel proprio gioco, e carica la Lazio, a tratti spavalda nella gestione del match. Arrivano così altre due occasioni con tiri dal limite di Parolo, deviati da Szczesny. Allo scadere del primo tempo la Roma pareggia con un rigore, trasformato da De Rossi, per fallo su Strootman contestato dai laziali. La ripresa si apre con lo stesso andamento del primo tempo: palla gol non sfruttata dalla Roma e subito gol della Lazio. Nel dettagio Dzeko viene fermato dal portiere, invece Basta dal limite, complice la deviazione di un difensore, riporta avanti i suoi al 50′. E’ la rete che vira definitivamente il match in favore della Lazio, che nei minuti successivi potrebbe segnare ancora in contropiede, ma deve comunque aspettare l’85’ per chiudere la partita. Lulic parte in contropiede dalla propria metà campo, attende la chiusura di Rudiger e serve Keita che deve solo appoggiare in porta il 3-1.