La prima gara stagionale ha dato buone indicazioni al DMR Racing Team sceso in pista lo scorso fine settimana nella sfida di Imola del Campionato Italiano Velocità. Il circuito, considerato il più ostico per le BMW (a causa di alcune curve lente e successive ripartenze), non ha certamente agevolato il compito dei piloti impegnati nella Superbike, ma nel complesso la classifica generale è positiva con i tutti e tre i membri del team che sono riusciti a classificarsi all’interno della top ten.

Denni Schiavoni ha conquistato due decimi posti che gli valgono la stessa posizione in campionato; il marchigiano ha provato per lunghi tratti ad inserirsi nel folto gruppo che valeva il quinto posto, dando dimostrazione di poter essere tra i protagonisti anche in questa stagione.

Matteo Ferrari con un settimo ed ottavo posto nelle due prove, si gode l’ottava posizione nella graduatoria generale, un risultato che sta stretto al giovane riminese pur considerando che il livello della competizione in questa stagione si è molto alzato, ma il margine di miglioramento c’è. Ferrari tra l’altro tornerà ad Imola tra pochi giorni quando sarà impegnato nella Superstock 1000 che accompagna il mondiale Superbike.

Positiva anche la prima di Ivan Goi in sella alla BMW: il pilota infatti, ha chiuso gara1 in nona posizione, rallentato nel finale dal surriscaldamento dei freni (inconveniente che ha messo in difficoltà anche i suoi compagni), migliorandosi in gara 2, classificandosi sesto. Goi al termine del weekend di Imola ha dichiarato di essere contento per il ritmo espresso e l’esperienza acquisita che saranno fondamentali per i prossimi impegni.

Valter Durigon – Team manager: “E’ stato un weekend importante, abbiamo lavorato per ottenere il massimo in questo primo appuntamento. Sapevamo che avremmo sofferto questo tracciato, ma abbiamo avuto delle belle risposte dai nostri piloti. È indubbio che il ritmo, rispetto alla passata stagione, si è alzato ancora e le prime guide godono di mezzi molto importanti, come dimostra anche la classifica. Nel complesso sono soddisfatto perché nella graduatoria generale abbiamo i nostri tre piloti entro le prime dieci posizioni. A Misano puntiamo ad essere ancora più avanti”.